Marted́ 07 Febbraio09:30:35
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, ospedale intasato a causa di Covid e influenza

L'assessore Gianfreda: 'Numeri da picco, ma destinati a crescere'

Attualità Rimini | 13:45 - 03 Dicembre 2022 Archivio Archivio.


"Gli ospedali a causa dell'influenza e del Covid si stanno intasando". L'assessore alle politiche sanitarie del comune di Rimini, Kristian Gianfreda, invita la popolazione riminese a vaccinarsi contro l'influenza e il Sars-CoV-2 e anche ad atteggiamenti responsabili, nei momenti in cui dovessero insorgere i sintomi. Dopo due anni di restrizioni e di uso obbligatorio di mascherina, la vita sta tornando alla normalità, ma il sistema sanitario continua a soffrire per via della carenza di personale e a rimanere sotto pressione, nonostante sia terminata la fase emergenziale della pandemia di Covid: "Non c'è più, fortunatamente, il Covid che portava diretti in terapia intensiva. Oggi questo virus, grazie al vaccino e alla protezione data delle persone che lo hanno contratto, sta diventando una brutta influenza. Ma sommato all'influenza, sta mettendo in difficoltà i reparti ospedalieri". 

Nel precovid, "la fase critica influenzale arrivava a gennaio e febbraio, quest'anno invece siamo già nel picco", spiega Gianfreda. Diversamente dal passato, l'influenza si è già manifestata nel mese di novembre, partendo dalla popolazione  pediatrica. A oggi inoltre, "i numeri di contagiati dall'influenza stagionale sono sensibilmente più alti rispetto agli anni passasti precovid e per due/quattro settimane è plausibile che continueranno a crescere, come conferma anche il direttore degli infettivi Carlo Biagetti".




< Articolo precedente Articolo successivo >