Sabato 28 Gennaio02:20:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Alpini, Non una di meno torna all'attacco: 'Online sito con le testimonianze delle molestie'

L'associazione attacca: 'Parte della città mette davanti l'indotto turistico all'integrità psicofisica delle cittadine'

Attualità Rimini | 13:57 - 02 Dicembre 2022 Archivio Archivio.


È online il sito web 'Oltre l'Adunata' che raccoglie le testimonianze di donne che hanno segnalato online le molestie subite nel corso dell'ultima Adunata degli alpini tenutasi nel maggio scorso a Rimini. L'operazione di raccolta è dell'associazione "Non una di meno" che per l'occasione, insieme a "Casa Madiba" e "Pride Off", ha fondato il gruppo di Autodifesa Transfemminista. L'archivio virtuale è stato pubblicato - spiegano dall'associazione - "affinché non si dimentichi, ma anzi si instauri con maggiore lucidità e consapevolezza un dibattito pubblico su quanto accaduto", "affinché, tramite azioni di riduzione del danno e una diversa gestione dell'ordine pubblico, non si ripetano più simili episodi non soltanto alle prossime Adunate degli Alpini, ma in generale a ogni grande evento". Proprio questa mattina /venerdì 1 dicembre) al Parco Fabbri di Rimini è stato inaugurato un monumento realizzato dall'associazione nazionale alpini per il 150mo dalla costituzione del corpo. "Questa notizia ci ferisce", commentano da Non una di meno Rimini. "C'è una ferita che si è aperta con l'Adunata degli Alpini a Rimini - aggiungono - questa ferita riguarda una parte della città, quella che ritiene che 168 milioni di euro di indotto economico portati dall'Adunata non valgano quanto l'integrità psico-fisica delle sue cittadine e cittadini". Delle oltre 500 segnalazioni di molestie e violenze, sarebbero più di una decina le persone che si sono rivolte all'associazione per procedere per vie legali.


< Articolo precedente Articolo successivo >