Giovedì 02 Febbraio11:45:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Incidenti: 281 morti sulle strade in Emilia Romagna. Vittime bambini, giovani, anziani 

Tra le strade lungo le quali si registrano maggiori criticità per l'incidentalità si segnalano la SS9 Via Emilia

Attualità Emilia Romagna | 15:07 - 01 Dicembre 2022 Archivio Archivio.

Nel 2021, si sono verificati in Emilia-Romagna 151.231 incidenti stradali che hanno causato la morte di 281 persone e il ferimento di altre 19.618. Rispetto al 2020 aumentano gli incidenti (+30,3%), le vittime della strada (+26,0%) e i feriti (+30,0%) in linea a quanto registrato a livello nazionale. I dati sono stati forniti da un focus dell'Istat. Aumenta in Emilia-Romagna l'incidenza degli utenti vulnerabili per età (bambini, giovani e anziani), deceduti in incidente stradale, attestandosi su un valore superiore alla media Italia (46,6% contro 43,9%).

Il costo dell'incidentalità stradale con lesioni alle persone è stimato in oltre 1,5 miliardi di euro e la Regione incide per il 9,7% sul totale nazionale di 16 miliardi e 400 milioni di euro. Tra le strade lungo le quali si registrano maggiori criticità per l'incidentalità si segnalano la SS9 Via Emilia (240, 6 decessi e 355 feriti), le strade statali 16 Adriatica, 12 dell'Abetone, e 724 Tangenziale Nord di Modena. La mortalità diminuisce nelle province di Bologna, Modena, Rimini e Piacenza, cresce invece quelle di Ferrara, Forlì, Ravenna, Reggio Emilia e Parma. Nel 2021, il maggior numero di incidenti ( 70,2%) si è verificato sulle strade urbane, provocando 123 morti e 13.107 feriti.

Rispetto all'anno precedente, i sinistri aumentano su tutte le categorie di strada ma l'incremento maggiore si verifica sulle autostrade (+47,3%), dove avvengono anche gli incidenti più gravi (5,3 decessi ogni 100 incidenti). I momenti della giornata nei quali si verificano più incidenti sono tra le quattro e le cinque e tra le sei e le sette del mattino. Il valore più elevato di incidenti mortali notturni si rileva il venerdì. La distrazione alla guida, il mancato rispetto della precedenza, del semaforo e la velocità elevata sono le prime cause di incidente (complessivamente il 48%). Il tasso di mortalità si concentra nelle fasce d'età 15-29 anni e over 65. Rispetto agli obiettivi europei per la sicurezza stradale che prevedono entro il 2030 l'ulteriore dimezzamento del numero di vittime e feriti rispetto al dato del 2019, l'Emilia-Romagna dal 2010 al 2021 ha registrato variazioni attorno al -30%. 

< Articolo precedente Articolo successivo >