Sabato 28 Gennaio02:24:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Eccellenze riminesi: sostenibilità e innovazione per le imprese del futuro

Da riconoscimenti alle aziende più attente all’impatto ambientale, al lustro di attività ultracentenarie: ecco lo scenario delle aziende riminesi

Attualità Rimini | 18:47 - 29 Novembre 2022 Eccellenze riminesi: sostenibilità e innovazione per le imprese del futuro

In un difficile periodo economico come questo, la valorizzazione delle eccellenze nazionali e locali assume un’importanza ancora maggiore.

Mentre la politica cerca di destreggiarsi fra fondi europei e aiuti alle imprese per cercare di salvare l’economia del nostro Paese, già stremata dagli effetti della pandemia, è bene ricordare che sul territorio esistono molte imprese storiche, alcune addirittura ultracentenarie.

La più antica della nostra provincia ha sede a Santarcangelo di Romagna: si tratta della Stamperia Artigiana Marchi di Lara e Gabriele Marchi snc, la cui fondazione risale al 1633. Una bottega artigianale che non ha mai fermato la propria attività nel corso dei secoli, tramandando il proprio sapere e la tradizione di generazione in generazione, fino a giungere ai giorni nostri.

Ma non è l’unica perla della nostra zona. La provincia di Rimini ne conta altre cinque e quella di Forlì-Cesena tredici, sul totale nazionale di 2.450.

Ma il successo della rete imprenditoriale romagnola non risiede solo nella storicità, ma anche nell’innovazione e nella sostenibilità, come testimonia la premiazione del Gruppo SGR fra le società riqualificatesi come Best Managed Companies premiate da Deloitte, insieme ad altre eminenze dell’industria nazionale. L’azienda riminese ottiene questo riconoscimento per il terzo anno di fila, trovando riscontro del proprio impegno in termini di cultura aziendale e tutela dell’ambiente.

Sostenibilità e innovazione tecnologica sono le parole d’ordine per l’impresa del futuro, una linea già da anni adottata da Novomatic Italia, che proprio a Rimini ha posto le basi del suo centro di produzione, e che di recente ha ulteriormente esteso i propri confini acquisendo l’80% del Gruppo HBG Gaming. Un’importante azione commerciale che prospetta un ulteriore arricchimento dell’offerta di uno dei più prolifici produttori di contenuti di gaming technologies, presente nella maggior parte dei palinsesti di gioco italiani elencati in questo sito.

Innovazione attorno alla quale si impernia anche l’offerta di aiuto ponderata dal governo, nello specifico dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy, che ha mezzo a disposizione 500 milioni di euro per supportare attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzate alla realizzazione di nuovi processi o servizi o al miglioramento di quelli già esistenti. Un’iniziativa sponsorizzata anche sul portale della CNA di Rimini, che precisa tutti i requisiti e i termini per la partecipazione, nell’ambito del secondo sportello dedicato agli Accordi per l’innovazione.


< Articolo precedente Articolo successivo >