Sabato 28 Gennaio01:01:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Mercato auto, trend positivo: analisi del fenomeno

Nei primi dieci mesi del 2022 ci sono state 1.091.894 immatricolazioni totali

Attualità Nazionale | 18:40 - 29 Novembre 2022 Mercato auto, trend positivo: analisi del fenomeno

Il mercato automotive recupera e fa registrare segnali positivi. Dopo i dati in rialzo dei mesi di agosto e di settembre, la stessa tendenza si è confermata anche ad ottobre.
Va detto, tuttavia, che nei primi dieci mesi del 2022 ci sono state 1.091.894 immatricolazioni totali, vale a dire meno 175mila auto rispetto ai primi dieci mesi del 2021. Ad ogni modo si può festeggiare per la conclusione positiva del mese di ottobre. Tra ottobre dello scorso anno e ottobre di quest’anno, le immatricolazioni sono cresciute di 14.6 punti percentuali.

Come dire, un bilancio in chiaroscuro. Il crollo delle immatricolazioni dei primi dieci mesi dell’anno corrisponde a 13.8 punti percentuali. Questo è il motivo per il quale l’Unrae ha lanciato un appello mirato a una riconversione industriale nel nostro Paese che porti a un incremento delle vetture a zero emissioni. È necessario rinnovare il parco circolante, secondo l’Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri, perché quello attuale è obsoleto e vetusto; c’è bisogno, invece, di un maggior numero di auto a emissioni ridotte.

Nel frattempo da qualche giorno sono ricominciate sulla piattaforma Ecobonus le prenotazioni per gli incentivi nuovi finalizzati all’acquisto di macchine non inquinanti fino a un massimo di 60 grammi per chilometro di anidride carbonica, secondo quanto previsto dal governo.

Una delle caratteristiche più interessanti del nuovo provvedimento riguarda l’aumento del 50% dei contributi previsti fino a questo momento in funzione delle risorse che sono già state stanziate per l’acquisto di auto ibride plug-in ed elettriche di categoria M1.
In più gli incentivi di nuova introduzione valgono non solo per le persone fisiche ma anche per le persone giuridiche che effettuano attività di noleggio auto con scopi commerciali, a condizione che la proprietà dei veicoli venga mantenuta per non meno di dodici mesi e che le attività in questione siano differenti rispetto al car sharing. Nel frattempo l’indagine più recente di Unrae mette in risalto un incremento dei motori a GPL, a diesel e a benzina, mentre si registra un crollo del metano. Bene il mercato delle auto ibride.

Il noleggio a lungo termine rappresenta una spinta importante per fare in modo che la flotta auto nazionale possa essere modernizzata. Maggiore è il miglior partner a cui ci si possa rivolgere per usufruire del servizio di noleggio auto lungo termine, e mette a disposizione una vasta gamma di motorizzazioni e di segmenti.

< Articolo precedente Articolo successivo >