Martedý 07 Febbraio03:59:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Giovane autistico aggredito, la madre: 'Disperati, fin quando non troveranno i colpevoli'

Il 33enne è stato dimesso oggi dall'ospedale, ma dovrà sottoporsi a due operazioni

Cronaca Santarcangelo di Romagna | 17:08 - 26 Novembre 2022 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Non hanno ancora un volto e un nome gli aggressori del 33enne autistico di Santarcangelo, vittima domenica 20 novembre di un gruppo di alcuni giovani che, secondo quanto ricostruito finora, ha agito senza motivo, circondandolo e deridendolo. Uno di loro ha colpito il 33enne, facendolo cadere a terra.  Quest'ultimo è stato ritrovato  esanime sul marciapiede e poi ricoverato in ospedale, dal quale è stato dimesso nella giornata odierna (sabato 26 novembre), festeggiato dai familiari e dagli amici. Si sottoporrà a una terapia casalinga, mentre mercoledì prossimo sarà visitato presso il reparto di chirurgia maxillo-facciale dell'ospedale Bufalini di Cesena dal neurochirurgo. Il 33enne ha infatti riportato una frattura sopra l'occhio, dove c'è anche un vistoso ematoma, e fratture scomposte allo zigomo. Dovrà dunque sottoporsi a due operazioni. 

"Siamo nella disperazione, finché non troveranno questa gente", spiega la madre, ancora sgomenta: "Un ragazzo come lui, che non dà fastidio a nessuno, vittima di questa brutale aggressione. Che razza di persone sono?".  In questa tragica vicenda, la luce è stata la tanta solidarietà espressa verso il giovane non solo dalla comunità clementina: "Abbiamo trovato tanto affetto e tanta solidarietà, non solo qui a Santarcangelo. Sono arrivati messaggi anche da Napoli. C'è tanta cattiveria in questo mondo, ma anche tanta gente che vuole bene al prossimo", evidenzia la madre. 

Le indagini, affidate ai Carabinieri, proseguono, come spiega il legale della famiglia, l'avvocato Davide Grassi: "É stato un gesto scellerato, ma dalle indagini sapremo presto il nome dell'aggressore del ragazzo". L'avvocato fa appello a eventuali testimoni, visto che i fatti sono avvenuti in tarda serata, ma intorno alle 22.30, in una zona del centro: i portici di piazza Ganganelli. "Fatevi vivi, è un gesto lodevole, importante, un gesto civico. Abbiamo necessità di sapere chi è stato il responsabile di questa brutale aggressione".


< Articolo precedente Articolo successivo >