Marted́ 29 Novembre05:30:41
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cattolica, al Teatro della Regina va in scena il romanzo Accabadora di Michela Murgia

Sul palco Anna Della Rosa, per la regia di Veronica Cruciani

Eventi Cattolica | 13:55 - 19 Novembre 2022 Foto Marina Alessi Foto Marina Alessi.


Martedì 22 novembre (ore 21, biglietti da 17 a 25 euro) al Teatro della Regina di Cattolica arriva la versione teatrale di quello che è ormai diventato un classico della letteratura, uno dei libri più letti in Italia: Accabadora, il romanzo di Michela Murgia (Premio Campiello 2010) nell'interpretazione della regista Veronica Cruciani con protagonista Anna Della Rosa

Accabadora racconta una storia ambientata in un paesino immaginario della Sardegna, dove Maria all'età di sei anni viene data a fill'e anima a una sarta che vive sola e che all'occasione fa l'accabadora. La parola, di tradizione sarda, significa finire, uccidere: Bonaria Urrai aiuta le persone in fin di vita a morire.  

Maria cresce nell'ammirazione di questa nuova madre fino al giorno in cui scopre la sua vera natura e fugge nel continente.  

La drammaturgia parte dal ritorno di Maria sul letto di morte della Tzia, l'accudimento finale è uno dei doveri dell'essere figlia d'anima, una forma di adozione concordata tra il genitore naturale e il genitore adottivo.  

C'è un tempo di separazione tra le due donne che pesa in questo incontro e la rabbia che la ragazza ancora prova per il tradimento subito dalla Tzia viene a galla nonostante gli sforzi che Maria compie per galleggiare tra i migliori ricordi dell'infanzia. 

Lo spettacolo è audio descritto. La rinnovata collaborazione con il Centro Diego Fabbri di Forlì porta a Cattolica anche per la stagione 2022-2023 il progetto Teatro no limits che garantisce l'accessibilità da parte degli spettatori con disabilità visiva grazie a supporti audio descrittivi. 

Il prossimo appuntamento con la stagione teatrale è il 30 novembre con La strada di Cormac McCarthy. A portarlo in scena in forma di indagine due protagonisti d'eccezione: Massimo Recalcati e Mario Perrotta.


< Articolo precedente Articolo successivo >