Luned 28 Novembre20:31:19
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

No al cibo sintetico, prosegue la raccolta firme a Rimini

La petizione è promossa da Coldiretti, la proposta è una legge che vieti la produzione, uso e commercializzazione del cibo sintetico in Italia

Attualità Rimini | 11:48 - 18 Novembre 2022 Il sindaco di Coriano Gianluca Ugolini firma la petizione Il sindaco di Coriano Gianluca Ugolini firma la petizione.

Nei giorni scorsi i Sindaci e gli Assessori di numerosi Comuni della Provincia di Rimini hanno firmato la petizione lanciata da Coldiretti per proporre una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione del cibo sintetico in Italia.

“Il cibo sintetico, creato in laboratorio è pericoloso per la salute umana, dannoso per l’ambiente e molto inquinante – spiega Guido Cardelli Masini Palazzi Presidente di Coldiretti Rimini -. Coldiretti invece dice sì al cibo naturale: a tutela dell’ambiente, sostegno della biodiversità e valorizzazione delle risorse naturali”.

La petizione, che in questi giorni tanti cittadini di Rimini stanno firmando negli uffici di Coldiretti e nei mercati è stata supportata e sottoscritta anche da numerose autorità locali.

“La minaccia è reale – prosegue Alessandro Corsini Direttore di Coldiretti Rimini-. Dalla carne prodotta in laboratorio al latte ‘senza mucche’, fino al pesce senza mari, laghi e fiumi. Per non parlare del miele senza il volo delle api. Il cibo in provetta potrebbe presto inondare il mercato europeo, poiché già ad inizio 2023 potrebbero essere introdotte a livello Ue le prime richieste di autorizzazione all’immissione in commercio che coinvolgono Efsa e Commissione Ue. Una proposta, quella del cibo sintetico, guidata da investimenti di colossi dell’high tech, della chimica, della finanza e presentata strumentalmente come opportunità per l’ambiente e per la salute”.

La carne in provetta, cancella l’identità di una intera nazione e del nostro territorio -  afferma il Presidente di Coldiretti Rimini Guido Cardelli Masini Palazzi - È importante sostenere e difendere il cibo naturale, salutare e sostenibile contro i surrogati biotecnologici spacciati per alimentati che aiutano l'ambiente.”

Ben 7 italiani su 10 la pensano già così infatti, secondo un’indagine di Coldiretti/Ixè, il 68% degli italiani non si fida del cibo creato in laboratorio con cellule staminali in provetta. Interrogati sui motivi principali per i quali bocciare il cibo fatto in laboratorio gli italiani – spiega l’analisi Coldiretti/Ixe’ – mettono in cima il fatto di non fidarsi delle cose non naturali (68%), mentre al secondo posto ci sono i consistenti dubbi sul fatto che sia sicuro per la salute (60%). Rilevante anche la considerazione che il cibo artificiale non avrà lo stesso sapore di quello vero (42%) ma c’è anche chi teme per il suo impatto sulla natura (18%).

Una pericolosa deriva degli alimenti creati in laboratorio – sottolinea Coldiretti Rimini – a favore di interessi commerciali e speculativi che esaltano, a sproposito, il mito della maggior sostenibilità rispetto alle tradizionali attività dell’agricoltura.

Per quanto riguarda la carne da laboratorio – spiega Cardelli Masini Palazzi - la verità che non viene pubblicizzata è che non salva gli animali perché viene fabbricata sfruttando i feti delle mucche, non salva l’ambiente perché consuma più acqua ed energia di molti allevamenti tradizionali, non aiuta la salute perché non c’è garanzia che i prodotti chimici usati siano sicuri per il consumo alimentare, non è accessibile a tutti poiché per farla serve un bioreattore, non è neppure carne ma un prodotto sintetico e ingegnerizzato.

E’ necessario - termina il Presidente di Coldiretti Rimini  - sensibilizzare le famiglie e i consumatori dei rischi del passaggio a una dieta unica mondiale, dove il cibo sintetico si candida a sostituire quello naturale. Le tipicità tradizionali e i prodotti della nostra agricoltura rischiano di essere condannati all’estinzione e scomparire per sempre insieme al paesaggio rurale che siamo abituati a vedere e agli agricoltori che ne sono i custodi.”

Per difendere il cibo naturale e fermare l’avanzata del cibo sintetico è possibile firmare tutti i giorni negli uffici di Coldiretti e nei mercati di Campagna Amica ed ogni martedì mattina al mercato esclusivo di Campagna Amica nella corte di Palazzo Ghetti sede della Banca Malatestiana.

< Articolo precedente Articolo successivo >