Mercoledý 30 Novembre23:03:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dagli avvocati di Rimini alle associazioni, tante donazioni all'ospedale di Riccione

Le attrezzature sono state consegnate questa mattina (venerdì 4 novembre)

Attualità Riccione | 13:14 - 04 Novembre 2022 Dagli avvocati di Rimini alle associazioni, tante donazioni all'ospedale di Riccione


Nuove importanti attrezzature donate da diverse realtà della società civile consegnate all’ospedale Ceccarini di Riccione, con l’obiettivo di potenziare ed innovare l’ambulatorio di ergometria e l’ambulatorio dei disturbi del sonno, che fanno capo alla unità operativa di Pneumologia provinciale, diretta da Arcangelo Lazzari Agli.

Per quanto riguarda l’ambulatorio di ergometria, si tratta in particolare di un tapis roulant treadmill medicale di ultima generazione, di Technogym, donato da "AsmAllergia Bimbi O.D.V."; di un Ciclergometro medicale Technogym, donato dall’ordine degli avvocati di Rimini e di un Ergospirometro per il test da sforzo cardiopolmonare con consumo di ossigeno, donato da parte della AIL Rimini OdV, grazie ad una campagna di una raccolta fondi della città di Rimini durante la emergenza da Covid-19. 

I tre strumenti costituiscono il nucleo centrale fondamentale delle attrezzature impiegate nell’ambulatorio di ergometria di Riccione, diretto da Alessandra Gennari. “ I test da sforzo sono utilizzati per valutare la capacità dei pazienti ad eseguire un lavoro fisico – ha affermato il dott.Lazzari Agli , direttore della unità operativa di Pneumologia - Queste attrezzature sono impiegate per ottenere dati clinici fondamentali in ambiti diversi e per patologie o bisogni di diversa complessità. Tra questi, in particolare, vanno annoverati la valutazione ai fini della riabilitazione dei soggetti con long Covid, con sintomi respiratori dopo polmonite Covid correlata, la Valutazione pre e post operatoria per interventi di chirurgia maggiore toracica, addominale e bariatrica. E ancora è importante l’utilizzo ai fini della valutazione postoperatoria dopo interventi di cardiochirurgia, per calibrare il programma di riabilitazione e valutarne i progressi in collaborazione l’equipe della cardiologia, la valutazione di atleti agonisti per il return to play, dopo infezione polmonare da Covid. L’ambulatorio, che oggi può contare su un’ equipe composta da un medico pneumologo, un medico specialista in medicina dello sport e da una fisioterapista respiratoria, nel primo anno ha eseguito 135 test da sforzo cardiopolmonare e 50 test da sforzo sub massimali”.

E ancora un importante attività che questa strumentazione consente, è inerente alla diagnostica dell’asma da sforzo nei pazienti pediatrici in collaborazione con i colleghi della pediatria: a tal proposito grazie alla possibilità di utilizzo del treadmill, questo esame è possibile anche su pazienti molto giovani. Valutazione per la riabilitazione dei pazienti con altre patologie polmonari (enfisema polmonare, malattie interstiziali).

A tale ultimo proposito merita di essere ricordata una importante collaborazione con la Oncoematologia pediatrica di Rimini diretta da Roberta Pericoli, che mira a migliorare a 360° la qualità di vita dei piccoli pazienti in carico al reparto, sfruttando qualsiasi mezzo anche non farmacologico e in modo particolare la promozione dell’attività fisica.

Si tratta del progetto Stronger 4 the future 2.0, uno studio monocentrico, interventistico non farmacologico, per il miglioramento dello stile di vita, al quale il servizio di pneumologia di Rimini e Riccione hanno collaborato fornendo le competenze di Eva Bernardi, medico specialista in medicina dello sport, per l'effettuazione delle prove da sforzo cardiopolmonari, utilizzando sia la strumentazione donata, sia quella analoga della cardiologia di Rimini, attività che, grazie ai risultati favorevoli ottenuti, verrà riproposta per i prossimi anni.

Il polisonnigrafo, donato da Distretto 209 Inner Wheel che invece è andato ad arricchire l’ambulatorio dei disturbi respiratori del sonno, diretto da Stefania Pezzi, permette di eseguire poligrafie notturne per lo studio delle malattie respiratorie durante il sonno in pazienti con capacità di collaborazione ridotta. Viene utilizzato elettivamente per le registrazioni poligrafiche notturne nel bambino, anche se può essere impiegato efficacemente nell’adulto.

L’ambulatorio ha già studiato con questo apparecchio diversi pazienti pediatrici; gli esami effettuati hanno permesso di avere delle precise indicazioni sulla natura dei sintomi dei piccoli pazienti, indicazioni che hanno reso possibile, grazie ad una diagnosi raffinata, l’approccio terapeutico più appropriato.

LA CONSEGNA  La cerimonia di consegna si è tenuta questa mattina (venerdì 4 novembre), presso l’ospedale Ceccarini di Riccione e ha visto la partecipazione della direttrice dell’ospedale Bianca Caruso, del direttore della Pneumologia Lazzari Agli con la sua equipe medico-infermieristica, di Adele Marina Zoffoli, assessore alla cultura del comune di Riccione e dei rappresentanti di tutte le  associazioni ed enti protagonisti delle importanti donazioni.

Si tratta di donazioni a beneficio dell’intera comunità – ha sottolineato Bianca Caruso, direttrice della direzione medica di presidio ospedaliero – quale attestazione di fiducia nei confronti della nostra sanità e dei professionisti, che per troppo tempo sono stati impegnati senza sosta nel contrasto alla pandemia”.

Si è unita ai ringraziamenti anche l’assessore del comune, esprimendo apprezzamento sia come rappresentante delle istituzioni, ma ancor prima come cittadina, per la generosità e solidarietà espresse a sostegno della sanità locale dalle associazioni e dalla società civile. Anche da parte della Direzione dell’Azienda Usl della Romagna, "un ringraziamento sentito  per il generoso gesto a favore della sanità locale, che conferma la sensibilità che da sempre manifestano le associazioni Ail Rimini, Distretto 209 Inner Wheel e AsmAllergia Bimbi ODV, insieme all’Ordine degli avvocati della provincia riminese, a Technogym e a tutti i donatori che hanno contribuito alla raccolta fondi, sostenendo le necessità assistenziali dell’Azienda Usl romagnola”.




< Articolo precedente Articolo successivo >