Giovedý 01 Dicembre02:15:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio C, a Pontedera Gaburro riconferma modulo e gran parte del Rimini del derby

Squalificato Pietrangeli, giocano Gigli e Regini. Un ballottaggio a centrocampo e in attacco

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 14:33 - 04 Novembre 2022 Marco Gaburro (foto Venturini) Marco Gaburro (foto Venturini).


Ritorna il campionato e il Rimini va in trasferta a Pontedera (17,30) per affrontare la squadra che il nuovo arrivato mister Canzi ha rigenerato: due vittorie di fila su San Donato Tavarnelle e Torres, e successo in Coppa Italia a spese della Reggiana. La squadra toscana ha 14 punti, quattro in meno rispetto ai biancorossi (18). La partita sarà trasmessa in diretta su TeleRomagna (canale 14).

Nel Rimini tornano disponibili Sereni e Allievi destinati alla panchina, ancora out Piscitella e Lo Duca ai quali si sono aggiunti Gabbianelli e lo squalificato Pietrangeli.

Mister Gaburro ha detto che confermerà in gran parte la squadra del derby (“Sette o otto undicesimi”) ma senza dire altro su schieramento e giocatori. Viene da pensare che in Rimini sartà in versione 3-5-2: rientrerà Zaccagno tra i pali, Gigli al centro della difesa al fianco di Regini e Panelli con Tofanari e Haveri sugli esterni; a centrocampo dovrebbe rientrare Pasa con al fianco Rossetti (o Tonelli) e Del Carro e in attacco Santini con al fianco Vano favorito su Mencagli

Il tecnico Marco Gaburro sottolinea: “Affrontiamo una squadra che sta nel suo massimo del rendimento e che con il nuovo tecnico ha collezionato due delle tre vittorie stagionali oltre al match di Coppa Italia. Ha buoni valori, si schiera come il Cesena ma interpreta il modulo con più propensione al palleggio e al fraseggio e meno sull'aspetto fisico e quindi prevedo un match maggiormente giocato. Sono curioso di capire che partita sarà: finora siamo stati scottati perché in trasferta talvolta come a Siena e a Lucca abbiamo fatto fatica perché secondo me siamo andati con un’idea troppo fissa di quello che ci aspettava, invece le partite poi sono state molto diverse, quindi dobbiamo attenderci la partita più difficile dal punto di vista fisico, agonistico, di spazi, di modo di giocare”.
ste. fe.





ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >