Giovedý 01 Dicembre09:15:29
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Anche per il comune di Misano una nuova auto elettrica grazie al bando regionale

'Un bando voluto da noi del Movimento 5 Stelle', commenta con soddisfazione la consigliera Silvia Piccinini

Ambiente Misano Adriatico | 12:32 - 02 Novembre 2022 Silvia Piccinini Silvia Piccinini.



Un’auto completamente elettrica e ad impatto zero al posto di un veicolo ormai obsoleto ed inquinante: è quella che il Comune di Misano otterrà, spiega la consigliera regionale Silvia Piccinini, "grazie al bando voluto dal Movimento 5 Stelle, poi approvato e finanziato dalla Regione per svecchiare il parco auto degli enti locali, e che ad oggi ha visto ben 141 Comuni emiliano-romagnoli parteciparvi".

"Mi sono impegnata a far stanziare all'interno del bilancio regionale risorse per 5,5 milioni di euro destinate ai Comuni per il rinnovamento del loro parco auto"
, spiega la consigliera, capogruppo in Regione del Movimento 5 Stelle. Occasione raccolta anche dal comune di MIsano che ha inoltrato alla Regione la richiesta di sostituire una vecchia Fiat Punto (alimentata a benzina, Euro 2) con un mezzo a zero emissioni Fiat 500E.

“Sono molto soddisfatta che anche Misano abbia deciso di sfruttare questa possibilità – commenta Silvia Piccinini – Si tratta di un chiaro esempio di come anche le amministrazioni comunali possano fare la propria parte in tema di sostenibilità ambientale. D’altronde, dopo l’ok del Parlamento europeo allo stop alla vendita di auto a benzina e diesel dal 2035, è più che mai urgente percorrere la via della transizione ecologica. E lo è a maggior ragione nel bacino padano, una delle aree a maggior rischio sanitario d’Europa per la pessima qualità dell’aria: siamo già in grave ritardo e opportunità come quella rappresentata dal bando, che la Regione ha recentemente rinnovato, devono essere sfruttate al massimo. Bene, quindi, che anche il Comune di Misano abbia deciso di intraprendere questa strada. La lotta all’inquinamento, alle polveri sottili e alle emissioni di biossido di azoto presenti in maniera preoccupante in Pianura Padana deve essere la priorità di tutti” .


< Articolo precedente Articolo successivo >