Giovedý 01 Dicembre01:29:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Coppa Italia C, Rimini-Cesena 2-1. Gaburro: 'Ottimo l'atteggiamento, abbiamo colpito in profondità'

Bomber Santini e il rigore: 'Sono stato placcato'. Mister Toscano: 'Non era una chiara occasione da gol'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 19:05 - 01 Novembre 2022 Marco Gaburro (foto Zamagni - Rimini FC) Marco Gaburro (foto Zamagni - Rimini FC).

Il Rimini si prende la rivincita sul Cesena in Coppa Italia (2-1) e passa il turno: affronterà la vincente di Vicenza-Arzignano. Il miglior viatico in vista della trasferta di Pontedera di sabato contro una squadra in ripresa: sempre in Coppa ha battuto la Reggiana in terra emiliana (0-1).


Il tecnico del Rimini Marco Gaburro è soddisfatto per aver regalato emozioni al numeroso pubblico presente al Neri, per il passaggio del turno ovviamente, per le risposte di chi è stato chiamato in causa (sette undicesimi cambiati rispetto a domenica) con la squadra schierata con un modulo diverso: 3-5-2.

“Più che nel modulo, sul quale stavamo lavorando già da tempo e che ci ha permesso di mettere in difficoltà il Cesena, penso che la differenza sia stata nell'atteggiamento. Ci eravamo posti come obiettivo di cercare molto di più di giocare alle spalle del'avversario, anche perché il Cesena si alzava molto e ce lo permetteva. In alcune partite non lo abbiamo fatto con convinzione, oggi sì in maniera ottimale forse per la prima volta quest'anno e spero che questa convinzione nella ricerca della profondità ci rimanga dentro - analizza il tecnico - Abbiamo fatto un cambio di mentalità nella fase di possesso: ci stavamo un po' troppo involvendo giocando troppo addosso ai nostri concetti. Era l'occasione giusta per ritrovare entusiasmo e mentalità e fare un passo di crescita per capire come si deve interpretare un certo tipo di partita. L'abbiamo interpretata bene, ci abbiamo messo il cuore e abbiamo stretto i denti quando serviva. Ora ci spetta il Pontedera, una squadra tosta con un potenziale da meritare una classifica diversa da quella attuale, ma godiamoci questo successo e da domani testa di nuovo al campionato”.


Dall'altra parte il tecnico del Cesena Domenico Toscano, si dice soddidfatto della prestazione: “E' stata una bella partita, avremmo meritato il pareggio: Galeotti ha fatto due interventi importanti al contrario del nostro. Il nostro obiettivo era dare minutaggio a chi ne aveva bisogno, valutare la crescita dei nostri ragazzi: la risposta c'è stata e questo è ciò che conta”.

Il rigore?

“Non c'era, non era palese occasione da gol, la palla stava andando in fallo laterale. L'espulsione? Non l'ho capita. Ho solo chiesto spiegazioni. Adesso archiviamo questa partita perché sabato abbiamo un altro test importante e dobbiamo arrivarci pronti”.


Di tutt'altro avviso l'attaccante Claudio Santini, protagonista dell'azione incriminata del righore e della doppietta: “Sono stato placcato dal mio marcatore (Francesconi, ndr), il rigore era sacrosanto. Ci tenevamo a vincere pe noi stessi, i tifosi, la società. Siamo molti contenti di questo”.

Santini ha già segnato 11 gol in stagione: “E' un anno in cui le cose stanno andando bene, ho fiducia in me stesso, la società ha fiducia in me. E quando uno ha fiducia si riescono a fare belle cose. Sono più maturo di qualche anno fa”.

ste.fe.



ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >