Mercoledý 30 Novembre23:09:34
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Estate, i fatturati crescono per quasi 3 imprenditori su 10. 'Ma guadagni erosi dal caro bollette'

Sondaggio di Cna Rimini: 'Ok gli eventi sul territorio, ma Notte Rosa andrebbe rivista'

Attualità Rimini | 15:06 - 20 Ottobre 2022 Foto di repertorio Foto di repertorio.


I fatturati delle imprese tengono, ma vengono erosi dal caro bollette. É quanto emerge dal sondaggio Cna Rimini sull'andamento della stagione estiva 2022, a cui hanno partecipato artigiani, commercianti, balneari e imprenditori nel settore della somministrazione alimenti e bevande. 

Sul piano del fatturato, poco meno della metà degli intervistati registra un saldo positivo o stabile rispetto al 2021, ma  - come evidenzia il presidente di Cna Rimini Davide Galeazzi, "c'è una crescita spaventosa dei costi energetici che ha eroso ogni crescita", con bollette aumentate del 300% e proiezioni poco rassicuranti che indicano aumenti fino al 500% per l'inverno.

Nel dettaglio il 28,8% ha segnalato un aumento degli incassi, il 51,6% un calo, il 19,7% un dato stabile. Solo l’11,8% degli intervistati non ha affrontato aumenti per i rincari energetici, mentre il 29,4% ha fatto i conti con utenze superiori del 30%. Per l’8,8% sono addirittura triplicati i costi, per il 7,4% raddoppiati.

Il 37,5% degli intervistati ha avuto difficoltà nel gestire i clienti e per questo si auspica una crescita generalizzata del target, il 18,8% ha trovato motivi di lamentela nel rapporto con i fornitori, il 20,3% con le Istituzioni ed il 7,8% con le banche per il reperimento di liquidità.

C’è soddisfazione per la politica degli eventi messi in campo anche se per il 39,7% andrebbero rivisti, soprattutto la Notte Rosa. Un dato che fa riflettere è come per il 29,4% però non favoriscano l’economia turistica del territorio anche se c’è chi suggerisce di spalmare le iniziative maggiormente su tutto l’anno (5,9%).

Sembra invece preoccupare e tanto la questione legata ai divieti di balneazione che è emersa a spot, anche con polemiche, durante l’estate 2022. Per il 22,4% degli associati di CNA sentiti è un aspetto da affrontare perché determinante per l’economia turistica, tanto che il 23,9% sostiene che abbia generato rinunce e cancellazioni delle prenotazioni mentre per il 35,8% degli intervistati è anche un problema importante per l’immagine complessiva del territorio.

Sul piano della sicurezza si presenta una spaccatura a metà tra chi è ottimista e chi è pessimista. Si registra comunque una moderata soddisfazione,  il 37,7% non ha registrato particolari problemi, il 18,8% ha apprezzato gli interventi di prevenzione messi in campo, per il 20,3%  invece siamo in piena urgenza e lontani dalla soluzione del problema mentre per il 23,2% serve maggiore impegno. 


< Articolo precedente Articolo successivo >