Domenica 04 Dicembre21:05:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Caro bollette: ad autunno consumi in caduta libera e negozi di vicinato 'senza ossigeno'

La preoccupazione di Confesercenti Rimini: 'Serve subito tetto alle tariffe energetiche'

Attualità Rimini | 13:31 - 07 Ottobre 2022 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Un autunno di consumi in caduta libera: è quanto prevede Fabrizio Vagnini, presidente di Confesercenti Rimini, a causa del caro bollette. La situazione per i negozi di vicinato e le piccole attività è già drammatica ("piccoli esercizi già in debito di ossigeno"), con il comparto non alimentare che fa registrare un -4% di vendite rispetto al settembre 2021, ma con questa inflazione e senza un freno alle bollette, le famiglie dovranno fare quadrare i bilanci: spenderanno di più per i beni di prima necessità e dovranno tagliare sul superfluo, in primis gli acquisti nell'extra alimentare.

Vagnini invoca "un tetto alle tariffe energetiche, che riporti i costi per l’approvvigionamento di energia e gas a livelli sostenibili per famiglie e imprese". Altrimenti "l’inflazione continuerà a salire e far contrarre i consumi, per i quali non è difficile prevedere, quest’autunno, una vera e propria caduta libera".

Da Confesercenti Rimini viene evidenziata un'ulteriore criticità per i negozi di vicinato: la spietata concorrenza dell'online e promozioni che sul web  "hanno raddoppiato la propria presenza". "Una concorrenza micidiale", evidenzia Vagnini. 



< Articolo precedente Articolo successivo >