Luned́ 28 Novembre19:09:13
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A piedi dalle Marche alla Romagna nel dopoguerra: una mostra fotografica a Rimini

Sabato 8 ottobre alle 16 inaugurazione in Cineteca a Rimini della mostra di Pietroneno Capitani

Eventi Rimini | 11:18 - 07 Ottobre 2022 Una delle foto esposte Una delle foto esposte.

Sabato 8 ottobre alle ore 16 presso la Sala Cineteca di Rimini (via Gambalunga, 27) avrà luogo l'inaugurazione della Mostra fotografica a cura di Pietroneno Capitani "Bussavamo con i piedi". Saranno presenti Nadia Rossi, Presidente dell'Associazione Marchigiani di Romagna; Jamil Sadegholvaad, Sindaco di Rimini; Giuliano Zamagni, Provincia di Rimini; Sergio Loggi, Presidente della Provincia di Ascoli Piceno. Nella Mostra fotografica saranno esposte ben 280 foto d'epoca raccolte da Pietroneno Capitani in occasione delle ricerche effettuate nel 2006 per la stesura del suo omonimo libro (Ed. Libri dell'Arco, Rimini) "Bussavamo con i piedi", appunti e immagini di una migrazione dall'entroterra ascolano verso la Romagna e la Toscana, con la preziosa prefazione dell'amico Sergio Zavoli. Per l'occasione verrà infatti proiettato anche il filmato con l'intervista di Zavoli dedicata a questo progetto di Capitani, e a seguire alcune testimonianze di contadini romagnoli che hanno accolto i marchigiani, nonché di contadini che dalle Marche si sono trasferiti in Romagna.


Pietroneno Capitani: nato a Montedinove (AP) nel 1956, vive e lavora a Rimini. Pubblicista, ha collaborato con "L'Unità" e "Paese Sera". Ha pubblicato anche "U Schògghiu" (2010), "Il Melograno" e "Le ultime ore di Civitella" (2020), "Io. Giovanni Piccioni. Una vita da brigante" (2022).

 
Il progetto "Bussavamo con i piedi" documenta l'immigrazione dei contadini ascolani in Romagna dal secondo dopoguerra in poi. Le testimonianze raccolte, i documenti e soprattutto le immagini d'epoca restituiscono il paesaggio umano ed economico di una categoria, quella mezzadrile del territorio ascolano, specchio di un'Italia rurale nel passaggio verso nuove forme sociali.

È la prima volta che questa Mostra fotografica viene proposta a Rimini: la prima edizione è stata realizzata nel 2006 a Bellaria in occasione della prima uscita del libro, contestualmente al 50esimo anniversario della nascita del Comune di Bellaria, dove in passato vi fu il primo insediamento di contadini ascolani.

 

"Da diversi anni avevo in mente di raccogliere le idee per cercare di comprendere le motivazioni che hanno spinto numerose famiglie marchigiane a trasferirsi in Romagna - spiega Capitani – I mezzadri dovevano in più occasioni dell'anno recarsi dal padrone per omaggiarlo, portando in dono i prodotti della loro attività agricola. L'espressione 'bussare con i piedi' deriva proprio dall'immagine delle loro mani occupate a sostenere 'u presénte' che li costringeva appunto a bussare alla porta del padrone con i piedi".

< Articolo precedente Articolo successivo >