Marted́ 29 Novembre07:15:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Esordio da record per la Fiera del Tartufo: a Sant’agata Feltria migliaia di visitatori

Inaugurata dal presidente della Regione Bonaccini: ‘Una Fiera che contribuisce alla valorizzazione del territorio’

Attualità Sant' Agata Feltria | 16:04 - 03 Ottobre 2022 Peruzzi, Bonaccini e Lidoni Peruzzi, Bonaccini e Lidoni.

Un esordio da record. Clima quasi estivo, ottimo programma e grande organizzazione: la prima domenica della Fiera Nazionale del Tartufo Bianco Pregiato di Sant’Agata Feltria (edizione numero 38) è stata un successo su tutti i fronti. E il pubblico, migliaia e migliaia di visitatori ha affollato il borgo dell’alta Valmarecchia.
160 circa gli stand presenti in Fiera, in rappresentanza di quasi tutte le regioni italiane.
8 stand di tuber magnatum pico, provenienti da varie regioni italiane.
Parcheggio camper sold-out, e tutti gli stalli disponibili esauriti, con tanti arrivi sin dal venerdì. Presenti camperisti anche dalla Francia.

La “Retromarching band” ha riscosso tanti applausi per il suo spettacolo divertente e “intonato” offerto in giro per il borgo.
La novità 2022, la nuova via dedicata agli “Artigiani al lavoro. Mestieri di una volta” allestita in via Celli, con gli artigiani dell’Associazione veneta ARS MERCATORUM, è stata “presa d’assalto” da appassionati e curiosi.

Tanti applausi anche all’inaugurazione della Fiera, in piazza Garibaldi: è stato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini a tagliare il tradizionale taglio del nastro della manifestazione, accolto dal sindaco di Sant’Agata Feltria Goffredo Polidori e dal presidente della Pro Loco (organizzatrice della Fiera), Stefano Lidoni.
Il presidente Bonaccini ha fatto i complimenti a “Una fiera che ogni anno ospita migliaia di visitatori e turisti da tutta Italia, contribuendo alla promozione della Valmarecchia, territorio ricco di storia, cultura, paesaggi, eccellenze artigianali ed enogastronomiche.
Un pezzo di Emilia-Romagna tutto da scoprire, tra Sant’Agata Feltria, Pennabilli, San Leo, Novafeltria e altre affascinanti località”.

Il “governatore” dell’Emilia-Romagna ha poi toccato il  tema dell'allargamento SP8 - Sarsinate dicendo che gli  impegni devono essere  mantenuti (sono attesi vari allargamenti da realizzare su quella strada, uno è stato fatto qualche anno fa, successivamente Bonaccini promise di continuare con questi allargamenti proprio alla sua prima presenza a S. Agata in occasione della Fiera del Tartufo 2020).
Dopo aver ricordato il sindaco Guglielmino Cerbara (scomparso il 2 agosto 2021), Bonaccini ha inoltre parlato della “Emilia-Romagna regione piena di eccellenze e prodotti agroalimentari di qualità, prima regione in Europa per numero di prodotti Igp e Dop quindi è giusto valorizzare un prodotto eccezionale come il tartufo bianco pregiato”.


Il presidente della Regione ha poi passeggiato per la Fiera, accompagnato dal presidente Pro Loco Lidoni, visitando tra gli altri il negozio di “Sant’Agata Feltria Tartufi" e a vari standisti in fiera, lo stand delle teglie di Montetiffi, e quello dell’Antica stamperia di Carpegna.
Anche l’attuale primo cittadino Goffredo Polidori ha ricordato il predecessore Cerbara. Presenti anche i neo deputati Marco Croatti e Jacopo Morrone, il quale è intervenuto sulla Fiera e il suo valore, la capacità attrattiva e organizzativa e i benefici che arreca all’intero territorio.
 
L’affluenza di pubblico alla prima giornata è aumentata del 30% rispetto alla edizione 2021, “con apertura di parcheggi che solitamente avviene nelle domeniche successive. – fa notare Gabriele Boldrini, presidente della Santagatese Calcio che gestisce proprio gli stalli auto e camper in Fiera - Oltre 30 ragazzi sono stati impiegati a gestire i parcheggi, l’organizzazione è stata perfetta, tanti visitatori ci hanno fatto i complimenti”.

La Fiera nazionale, organizzata dalla Pro Loco di Sant’Agata Feltria, proseguirà domenica 9 ottobre, e per tutte le domeniche del mese (17, 16, 23 e 30) proponendo la valorizzazione di prodotti tipici, selezionando le eccellenze, primo fra tutti il tartufo bianco pregiato, pronto a rapire tutti i visitatori con il suo profumo intenso e il suo gusto inimitabile.


< Articolo precedente Articolo successivo >