Giovedý 06 Ottobre02:58:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il punto sulla stagione calcistica 2022-2023 dopo il suo avvio

Clamoroso esonero per il tecnico tedesco del Chelsea, Thomas Tuchel

Sport Nazionale | 15:59 - 09 Settembre 2022 Il punto sulla stagione calcistica 2022-2023 dopo il suo avvio

Sono bastati pochi turni di campionato e la prima giornata di Champions League per esonerare il tecnico del Chelsea, Thomas Tuchel. Il comunicato stampa ha parlato del fatto che i nuovi proprietari ritengono che sia questo il momento giusto per effettuare la transizione. Il Chelsea in effetti non ha avuto un grande impatto né in campionato, né per quanto concerne le competizioni europee.

Clamoroso esonero per il tecnico tedesco del Chelsea, Thomas Tuchel

Eppure il giovane tecnico tedesco, classe 1973 ha dalla sua un curriculum davvero notevole, visto che durante gli ultimi sette anni ha allenato in sequenza: Borussia Dortmund, Paris Saint-Germain e infine il club londinese dei Blues. Un avvio di carriera da predestinato e un palmares che conta attualmente due titoli vinti quando era alla guida del PSG a cui bisogna sommare cinque coppe, la Champions League del 2021, la Supercoppa UEFA e la Coppa del mondo per club. Nonostante questo prestigioso palmares, Tuchel ha avuto un avvio di stagione davvero negativo con il suo Chelsea: due sconfitte e un pareggio in Premier League a cui ha fatto seguito la sfortunata gara di martedì 6 luglio contro la Dinamo Zagabria, persa 1-0. Notizia interessante questa per il calcio italiano e soprattutto per il Milan di Stefano Pioli, visto che i rossoneri sono nello stesso gruppo E, assieme al Red Bull Salisburgo. Primo turno di Champions League che registra anche la prima sconfitta stagionale per la Juventus di Max Allegri, uscita sconfitta dal confronto contro il PSG, nonostante abbia disputato nel complesso una buona gara.

Il Bologna ha esonerato dopo tre stagioniSinisa Mihajlovic

Dal calcio europeo passiamo quindi a quello italiano dove in serie A il primo tecnico esonerato, per ragioni non del tutto sportive è stato Sinisa Mihajlovic, del Bologna. La formazione rossoblù non ha avuto un grande impatto su questo avvio di stagione, ma non è nemmeno la squadra che ha mostrato maggiori limiti, tra quelle viste fino a questo momento. Per quanto riguarda la zona retrocessione, bisogna infatti aprire una parentesi sul Monza di Giovanni Stroppa.

Focus sul neopromosso Monza di Berlusconi

Ci sono diverse attenuanti per quanto riguarda il giudizio sull’operato del tecnico del club brianzolo. La prima questione, più importante è che si tratta di una formazione esordiente e senza una tradizione in massima divisione. Oltre a questo la squadra ha cambiato molti elementi, rispetto alla rosa che aveva centrato la storica promozione in massima divisione. Il punto più interessante riguarda però il calendario della squadra biancorossa. Il Monza ha incontrato in sequenza Torino, Napoli, Udinese, Roma e Atalanta. Formazioni che fino a questo momento hanno disputato un ottimo avvio di stagione, considerando sia il blasone che il dato statistico. Mentre scriviamo infatti ben tre di queste squadre risulta ancora imbattuta in campionato. L’Atalanta di Gasperini ha ottenuto 13 dei 15 punti a disposizione. L’unico pareggio è arrivato in casa contro i campioni d’Italia del Milan di Pioli. Anche Roma, Udinese, Torino e Napoli hanno avuto un buon inizio e un grande approccio con il torneo. Monza a parte, si registra un avvio di stagione complicato anche per Sampdoria, Empoli, Spezia e Bologna, escludendo le altre due neo-promosse, Cremonese e Lecce. Il Lecce di Marco Baroni ha però disputato una grande gara al Maradona contro il Napoli di Spalletti, dopo aver strappato un punto in casa contro l’Empoli di Paolo Zanetti. Bisogna però ribadire che quest’anno il campionato propone un numero elevato di squadre ben attrezzate, partendo dalle cosiddette sette sorelle a cui si sono già unite altre formazioni come appunto le già citate Torino e Udinese. Con un campionato così equilibrato e combattuto, almeno sulla carta, il discorso relativo alle scommesse sportive diventa ancora più entusiasmante e intrigante, visto che ci sono poche certezze, a parte il tasso tecnico e il coefficiente spettacolare, in netta crescita rispetto alle stagioni passate.

Dove può arrivare l’Udinese di Andrea Sottil quest’anno

Dopo aver battuto con un sonoro 4-0 la Roma di Mourinho in casa, l’Udinese si candida come una delle probabili rivelazioni di questo torneo. La squadra allenata da Andrea Sottil, ha iniziato il campionato contro il Milan di Pioli, perdendo 4-2 a San Siro. Da quel momento però ha collezionato un pareggio e ben tre vittorie consecutive che l’hanno collocata nei vertici della classifica provvisoria. In pratica i friulani hanno avuto un approccio migliore rispetto a squadre come Fiorentina, Lazio, Inter e Juventus. Anche il Torino di Ivan Juric ha avuto un buon avvio di torneo, ma in questo caso la cosa era un po’ prevedibile, visto il buon lavoro effettuato durante la passata stagione dal tecnico croato ex Genoa e Verona. Mentre la stagione prosegue seguendo il suo naturale corso, prima dello stop di metà novembre, c’è da capire se Roma, Juventus e Lazio riusciranno o meno a confermarsi come è avvenuto durante lo scorso girone d’andata. Anche gli impegni in Champions ed Europa League, al pari di infortuni e indisponibilità potrebbero giocare un ruolo determinante. Per il resto la stagione calcistica è appena iniziata e lo spettacolo, sembra essere assicurato per quest’anno.

< Articolo precedente Articolo successivo >