Giovedý 29 Settembre15:20:58
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Violenza dopo la disco a Gabicce, legale dell'accusato 'rapporto consenziente'

L'avvocato che difende il 35enne 'Il mio assistito esclude che abbia percosso la ragazza, e d'altronde non ci sono segni o lividi o ecchimosi'

Cronaca Gabicce Mare | 07:38 - 05 Agosto 2022 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

"Non c'è stata violenza né percosse. Si è trattato di un rapporto consenziente". Così l'avvocato Renato Alberini, legale del 35enne veneto fermato con l'accusa di stupro e lesioni gravi nei confronti di una 18enne del Bergamasco. Una violenza che sarebbe avvenuta nella notte tra il 28 e il 29 luglio nel parcheggio della discoteca Baia Imperiale di Gabicce monte, il locale dove i due giovani si erano ritrovati dopo essersi appena conosciuti. Il legale dice: "I 45 giorni di prognosi firmati dall'ospedale di Rimini per delle presunti lesioni ai danni della ragazza sono sconcertanti. Il mio assistito esclude che abbia percosso la ragazza, e d'altronde non ci sono segni o lividi o ecchimosi. Il mio cliente - prosegue l'avvocato - ha spiegato al giudice che c'è stato un rapporto sessuale consenziente in auto, nel parcheggio della discoteca. La ragazza afferma di aver avuto paura e di aver subìto per il terrore della reazione ma esclude violenze fisiche. Vedremo come i medici spiegheranno quei 45 giorni di prognosi non essendoci alcuna traccia di lividi o ecchimosi". "Ma oggi, mi preme che non si arrivi a conclusioni o a processi sommari - conclude Alberini - prima di attendere l'esito delle indagini da parte della procura di Pesaro". 

< Articolo precedente Articolo successivo >