Mercoledė 22 Marzo22:44:24
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Un Fiat ducato donato alla Coop Sociale New Horizon di Rimini

Grazie al supporto di "Progetti del Cuore", verrà consegnato in comodato d’uso gratuito un Fiat Ducato

Attualità Rimini | 12:03 - 21 Luglio 2022 La cooperativa sociale New Horizon La cooperativa sociale New Horizon.

La collaborazione tra “Progetti del cuore” e le città italiane, con scopo quello di aiutare le persone bisognose di ogni comunità, procede spedita e raggiunge i territori della riviera romagnola. Alla Cooperativa Sociale New Horizon di Rimini, grazie al supporto di “Progetti del Cuore”, verrà consegnato in comodato d’uso gratuito un Fiat Ducato attraverso cui saranno garantiti i servizi di assistenza e trasporto alla cittadinanza. 

“La Cooperativa New Horizon utilizzerà il mezzo per accompagnare persone in condizioni di  disabilità e fragilità principalmente presso i luoghi di lavoro per poi riportarli al proprio domicilio - spiega il presidente Carlo Urbinati -. Verrà utilizzato anche per coprire le zone dove i mezzi pubblici non presentano linee di trasporto. Alla mattina il mezzo partirà dalla nostra cooperativa con alla guida un nostro dipendente, per recarsi nelle abitazioni di persone con disabilità che necessitano di trasporto. Generalmente sono segnalati dal servizio sociale o dal servizio disabili. Le persone verranno poi accompagnate presso i luoghi di lavoro e alcune di esse all'interno della nostra cooperativa dove è presente un centro socio-occupazionale. Il mezzo viene visto principalmente come un supporto alla persona diversamente abile e alla famiglia, garantendo un tragitto di accompagnamento e rientro a casa per recarsi nei luoghi di accoglienza. Potrebbe essere utilizzato anche per accompagnamenti socio-sanitari. Con questo servizio copriamo un territorio vasto: tutta la  provincia di Rimini, andando anche da Cattolica a Bellaria-Igea Marina, Santarcangelo. Tocchiamo tutti i comuni della Valmarecchia e Valconca. Il mezzo uscirà diverse volte al giorno, garantendo almeno trenta tragitti settimanali”. 

< Articolo precedente Articolo successivo >