Marted́ 09 Agosto10:39:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Dogana la clinica dove si curano i calciatori della Serie A

Recuperati diversi calciatori di Milan, Atalanta, Sassuolo Salernitana, Bologna, ma anche Chievo, Spal, Vicenza, Frosinone, Rimini, Cesena

Attualità Repubblica San Marino | 08:00 - 30 Giugno 2022 Matteo Ficini e Amerigo Ricci Masotti di Fisio32 Matteo Ficini e Amerigo Ricci Masotti di Fisio32.

Un centro di eccellenza per il recupero del calciatore professionista, attraverso un percorso personalizzato e l’utilizzo di tecniche e macchine di ultima generazione. E’ il prestigioso obiettivo perseguito da Fisio32, lo studio fondato da Matteo Ficini e Amerigo Ricci Masotti, ex collaboratori di Fabio Capello, Marcello Lippi e Dan Petrescu nelle loro avventure in Cina, ma non solo. Un obiettivo che, in realtà, stanno già perseguendo visto che in questo ultimo anno, diversi calciatori di serie A, B e C, hanno scalato il Monte Titano per fermarsi a Dogana all’interno della loro struttura che copre 400 metri del primo piano dell’Admiral Point, in via Tre Settembre.

“Il nostro progetto – sottolinea Ficini – ha come obiettivo primario quello del recupero completo del calciatore attraverso un percorso cucito su misura che prevede trattamenti fisioterapici prima, esercizi fisici estenuanti, lavoro sul campo, in piscina, su sabbia per poi, nel pomeriggio, effettuare trattamenti di ricovery attraverso l’utilizzo di macchine di ultima generazione”.

Già diversi giocatori hanno goduto di questo percorso ottenendo grandi riscontri, tanto è vero che sono le stesse società a mandare i loro calciatori da Fisio32.
“I giocatori arrivano da noi e vengono subito sottoposti ad alcuni esami strumentali nelle cliniche convenzionate. Successivamente si studia per ogni caso il programma migliore che, comunque, prevede sempre alcune tappe obbligatorie. L’atleta arriva da noi in studio verso le 8, si cambia negli spogliatoi, sale in bicicletta e percorre le strade sammarinesi per una cinquantina di minuti. Quando torna si sposta sul campo di Serravalle B dove fa un lavoro tecnico-tattico per riprendere la gestualità calcistica. Il tutto dura un’oretta. Da lì ci si sposta nella piscina olimpionica del Multieventi dove abbiamo un’intera corsia di 50 metri tutta per noi. Lì è previsto un lavoro di gambe per una cinquantina di minuti. Alle 12 si torna in studio dove si lavora sulla sabbia, sulla pista d’atletica indoor in erba sintetica e con macchine per il potenziamento degli arti inferiori. Una bella doccia, il pranzo e poi nel pomeriggio si prosegue con lavori di mobilità, posture, ipertrofia del tronco superiore per finire con trattamenti di ricovery utilizzando camera iperbarica, crioterapia, pressoterapia. Il tutto per permettere al corpo di recuperare velocemente per poi, il giorno successivo, sottoporsi allo stesso sforzo”.

Milan, Atalanta, Sassuolo, Salernitana, Bologna, ma anche Chievo, Spal, Vicenza, Frosinone, Rimini, Cesena e tanti altri professinist. Fisio32 è una realtà che in poco tempo ha già fatto capire al grande calcio la professionalità con cui segue i calciatori. Ma c’è anche un altro aspetto molto importante.

“Siamo in partnership con Nest la società fondata da un mio grande amico, Nicolò Ferrari, noto mental coach molto conosciuto tra i giocatori professionisti. Tra noi è nata questa splendida sinergia che porta Fisio32 e Nest a inseguire il sogno di affermarsi nel mondo del calcio. All’interno ci sono vari settori curati da grandi professionisti: la parte legale, per fare un esempio, è curata dal figlio di Fabio Capello, mentre Alberto Matri, fratello di Alessandro, gestisce i patrimoni dei giocatori. Proprio con Nest, Fisio32, la prossima estate, nella prima decade di giugno, si trasferirà a Ibiza per seguire da vicino i tanti professionisti che nonostante le vacanze vogliono continuare ad allenarsi e a essere trattati per presentarsi nei migliori dei modi al ritiro nei vari club”.

< Articolo precedente Articolo successivo >