Mercoledė 29 Giugno06:39:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket B, RivieraBanca: alla scoperta di Raggisolaris Faenza

Con 12 vittorie nelle ultime 13 partite (playoff compresi), Faenza è la squadra più in forma

Sport Rimini | 13:51 - 27 Maggio 2022 Basket B, RivieraBanca: alla scoperta di Raggisolaris Faenza

E' tempo di semifinale playoff per RivieraBanca Basket Rimini che dopo la convincente vittoria per 3-0 nei quarti di finale contro CJ Basket Taranto si prepara ad affrontare un super derby contro Raggisolaris Faenza, settima classificata del girone C che nel turno precedente ha superato per 3-1 Ruvo di Puglia, seconda classificata del girone D. Durante la regular season i biancorossi hanno ottenuto il referto rosa sia all'andata (76-65 al Flaminio) sia al ritorno (57-67 al PalaCattani).

La serie verrà inaugurata domenica 29 maggio alle ore 19 (Gara 1) cui seguirà Gara 2, in programma martedì 31 maggio alle ore 20.30: entrambe le partite si disputeranno presso il nostro PalaFlaminio. La serie poi si 'sposterà' al PalaCattani di Faenza che venerdì 3 giugno alle ore 20.30 ospiterà Gara 3 e pure l'eventuale Gara 4, calendarizzata domenica 5 giugno alle ore 20.30. Qualora si arrivasse sul 2-2, la partita decisiva (Gara 5) si giocherebbe al Flaminio mercoledì 8 giugno alle ore 20.30.

Faenza è rimasta la stessa squadra affrontata nel girone di ritorno, ma è doveroso ricordare che in quell'occasione non scesero in campo nè Vico per i neroverdi nè Saccaggi per i biancorossi, entrambi per problemi fisici. Il settimo piazzamento in classifica è frutto solamente di un brutto inizio di stagione, ma la formazione allenata da Coach Luigi Garelli, a maggior ragione dopo la vittoria contro Ruvo di Puglia, è da considerarsi ad un livello decisamente superiore.

I meccanismi dei Raggisolaris ora sono ben oliati, anche rispetto alla partita del girone di ritorno: le indicazioni di Coach Garelli la rendono ancora diversa rispetto a quanto visto più di due mesi fa, sia in attacco che in difesa. Questo ha comportato un filotto impressionante di 12 vittorie nelle ultime 13 partite disputate (playoff compresi), un record che rende Faenza la squadra più in forma del momento.

Il roster dei neroverdi presenta in cabina di regia il play/guardia classe 1998 Riccardo Ballabio, giocatore esplosivo che mostra segnali di crescita anche al tiro, rimane in campo per oltre 20'. Al suo fianco troviamo uno dei giocatori più forti della serie B nonchè esperto di post season: la guardia classe 1986 Sebastian Vico, protagonista sin qui nei playoff con quasi 13 punti di media (38% da tre punti) e 3.8 assist ed autentica superstar di Faenza.
 
 
Lo slot da '3' è occupato dalla guardia/ala classe 1996 Giacomo Siberna, l'anno scorso insieme al nostro Andrea Tassinari semifinalista playoff con la maglia di San Vendemiano: molto duttile su entrambi i lati del campo, è un jolly per Coach Garelli. Rimanendo nel blocco esterni, dalla panchina esce il playmaker classe 2002 Thomas Reale che sta attraversando un momento positivo della sua stagione come dimostra il suo minutaggio in aumento (quasi 23' a partita).

Una pedina fondamentale dello scacchiere neroverde è il capitano Marco Petrucci, ala classe 1992 che ha da poco festeggiato le 100 presenze in maglia Faenza: tiratore mortifero, può giocare da esterno così come essere adattato da mezzo lungo. Dopo un inizio di stagione condizionato in negativo da un infortunio, ha decisamente ritrovato spazio e nonostante la partenza dalla panchina è un insostituibile.

Passando al reparto lunghi, parliamo di tre giocatori che per punti segnati e rimbalzi catturati sono tra i più incisivi di tutta la serie B. In primis l'ala classe 1997 Giovanni Poggi, giocatore abile sia fronte che spalle canestro: sin qui nei playoff ha collezionato una doppia doppia di media (10 punti + 10.3 rimbalzi).

Al suo fianco troviamo l'ala/centro classe 1992 Lorenzo Molinaro, atleta molto esplosivo che però mostra anche buone doti al tiro: arrivato in corsa dall'A2 (Eurobasket Roma), è un giocatore fuori categoria che s'è ben inserito negli schemi di Coach Garelli. Pericoloso a rimbalzo d'attacco, sin qui nei playoff ha contribuito con 10.5 punti di media.

Ultimo, ma non per importanza, il giocatore forse più incisivo di Faenza, spesso esce dalla panchina: Simone Aromando, ala classe 1997. Nasce da '4', ma adattabile anche come '5', è arrivato a stagione in corso portando subito tanta fisicità; miglior marcatore dei neroverdi finora nei playoff (14.8 punti), è molto difficile da marcare. Giocatore da tenere sott'occhio, garantisce quasi 3 extra possessi a partita con la sua abilità a rimbalzo d'attacco.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >
{* Smart banner Desktop *} {* Mirror Sticky Desktop *} {* Desktop *}