Sabato 28 Gennaio03:35:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Latitante in Italia grazie a nome falso, sul capo condanne per 18 anni di reclusione: arrestato

Si tratta di un 46enne albanese, condannato per fatti risalenti a fine anni '90

Cronaca Rimini | 13:07 - 25 Maggio 2022 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Sul suo capo aveva due distinti ordini di carcerazione, per un totale di più di 18 anni di reclusione: 17 anni per sequestro di persona a scopo di estorsione, fatti avvenuti a Saludecio nell'ottobre 1999, 1 anno, due mesi e 16 giorni di reclusione per violenza sessuale e favoreggiamento della prostituzione, fatti risalenti all'anno precedente.

Un 46enne di nazionalità albanese, latitante, è stato arrestato ieri (martedì 24 maggio) dalla Squadra Mobile della Questura di Rimini e dai Carabinieri di Cattolica. L'uomo, consapevole delle due condanne pendenti, dalla primavera del 2021 era rientrato in Italia con un altro nome, sfuggendo così più volte alla cattura in occasione di alcuni controlli effettuati a suo carico in varie località italiane. Ma dopo anni di latitanza, è stato rintracciato grazie all'azione investigativa della Polizia di Rimini e dei Carabinieri di Cattolica. É stato convocato in Questura per fornire alcuni chiarimenti circa una denuncia sporta dalla moglie, dimorante anche lei in Provincia: il 46enne si è presentato alle forze dell'ordine confidando ancora una volta di non venire scoperto. Si trova ora in carcere ai Casetti di Rimini per espiare le due condanne.


< Articolo precedente Articolo successivo >