Mercoledý 29 Giugno05:14:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Dopo il Giro d'Italia a Santarcangelo e in Valmarecchia arriva la Coppa della Pace

Domenica 29 maggio la 50esima edizione, 29 formazioni che schiereranno i loro atleti. La storia della manifestazione

Sport Santarcangelo di Romagna | 10:23 - 17 Maggio 2022 Una immagine dalla scorsa edizione Una immagine dalla scorsa edizione.

Tra poche ore Santarcangelo di Romagna ospiterà la partenza di tappa del Giro d’Italia, sempre sulle strade Clementine e della Valmarecchia, il prossimo 29 maggio si disputerà la 50° edizione di una gara che è diventata una classica del panorama internazionale del ciclismo dilettanti- Under 23: la Coppa della Pace.

Era il 1971 quando Nazzareno Frisoni, Everardo Anelli e Willer Frisoni ideano e danno vita alla Coppa della Pace, che da 47 edizioni lega il suo nome a quello dei Fratelli Anelli. Oggi dopo 50 anni i volontari del Pedale Riminese e della Polisportiva Sant’Ermete organizzano la competizione con lo stesso impegno e la stessa dedizione.

Sono tanti i ragazzi che dal 1971, dopo la loro partecipazione alla gara di Sant’Ermete, sono passati al professionismo con grandissimi risultati anche al Giro d’Italia. Alcuni nomi, che si leggono nelle pagine più recenti dell’albo d’oro della Coppa della Pace, li ritroviamo anche in questi giorni tra i protagonisti della corsa rosa, ne citiamo fra tanti: Richie Porte (3° nel 2009), Davide Formolo (3° nel 2013) e Matteo Sobrero (1° nel 2018).

Inizialmente la Coppa della Pace è riservata alla Categoria Allievi, categoria in cui gareggiava Alfio Vandi, un ragazzo di 15 anni tesserato tra le fila del Pedale Riminese, con direttore sportivo Gino Mondaini. Successivamente sarà dedicata agli juniores e poi ai dilettanti.

La competizione crescere di anno in anno, affermandosi in ambito nazionale prima ed internazionale poi. Nel 1981 un giovane Davide Cassani sale sul terzo gradino del podio. Nel 2014 Cassani è tornato a Sant'Ermete come CT della Nazionale. Nel 1992 la Coppa della Pace sarà gara valida per la selezione pre-olimpica. Vince quell’edizione Fabio Casartelli, che staccherà così il suo biglietto per la partecipazione alle Olimpiadi di Barcellona dove conquisterà l’oro. In suo onore ogni anno viene assegnato il “Memorial Fabio Casartelli”. Negli stessi anni sulle strade della Valmarecchia si cimenterà anche un giovanissimo Marco Pantani.

Nel ’94, ’95 e ‘96 la Coppa diviene gara indicativa per il Campionato del Mondo e dal ’96 diventa valevole per la categoria Under 23, nel ’97 è Campionato del Mondo Militare.  

Nel 1995 si aggiudica la Coppa un giovanissimo Paolo Savoldelli, mentre a Paolo Bettini toccava l’ottavo posto nel ’96. Sempre in quegli anni, parteciparono alla gara anche Ivan Basso e Danilo Di Luca.

Nel 2003 la Coppa della Pace è valevole per l’assegnazione del Campionato Italiano Under 23, oggi  è  gara internazionale dilettanti elite, under 23 Cat 1.2. MU, valida per Europe Tour UCI. Anno dopo anno, l’albo d’oro della corsa si arricchisce di nomi di ragazzi che con gli stessi desideri partecipano alla Coppa della Pace, sognando un futuro nel professionismo.

Saranno anche quest’anno 29 le formazioni, nazionali e internazionali, che schiereranno i loro atleti alla partenza di un percorso di 170km che si snoda tra il fondovalle e i crinali delle colline di Sant’Ermete. Una prima parte per velocisti e poi passaggi tecnici e salite che mettono a dura prova gambe e fiato, attraverso i territori dei Comuni di Santarcangelo di R., Poggio-Torriana, Verucchio e Rimini.

L’appuntamento è quindi fissato a domenica 29 maggio 2022 alle 13.30, quando sventolerà la bandiera a scacchi che sancirà la partenza della 50° Coppa della Pace.

< Articolo precedente Articolo successivo >
{* Smart banner Desktop *} {* Mirror Sticky Desktop *} {* Desktop *}