Sabato 02 Luglio04:55:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio: anche Andreis out contro il Borgo San Donnino. Debutto di Callegaro dal 1'

Il centrocampista si è procurato una distorsione alla caviglia: salterà anche la Correggese. Gaburro: Tenere alta l'attenzione'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 13:56 - 05 Marzo 2022 Marco Gaburro Marco Gaburro.

E' un Rimini incerotato quello che affronta domenica al Romeo Neri il Borgo San Donnino, penultimo in classifica (21 punti contro i 64 dei biancoriossi). Oltre a Tanasa (squalificato) e a Tomassini (infortunato) sarà assente Andreis, vittima di una distorsione alla caviglia in in contrasto in allenamento: sabato ha seguito in stampelle la rifinitura dei compagni. Salterà anche la trasferta di Correggio. Da verificare anche le condizioni di Lo Duca (ha saltato la rifinitura), Tonelli e Deratti, non al meglio: gli ultimi due potrebbero partire dalla panchina. Debutterà Callegaro dal primo minuto. Per il quarto under in allarme Kamara, Pari e Pietrangeli. I dubbi saranno sciolti nell'immediata vigilia.

“Abbiamo una rosa imnportante, non guardo agli assenti – mette in chiaro mister Gaburro - Non lo abbiamo mai fatto e non lo faremo. Guardo solo all'avversario: conterà tanto come sempre l'approccio mentale, l'attenzione perchè il nostro avversario è in grado di trovare colpi importanti”.

Che squadra è il Borgo San Donnino?

“Ha cambiato qualche interprete rispetto all’andata e il tecnico. Ha mantenuto una predisposizione per il gioco, pur schierandosi ora con il 5-3-2 cerca in tutti i modi di costruire, quindi può metterti in difficoltà da questo punto di vista. E' una squadra che prova a costruire, che ha delle idee, che ha giocatori sia davanti che sugli esterni che possono far giocata, quindi va presa con le pinze”.

Il Borgo San Donnino non vince però da otto partite e ha segnato solo 14 reti...

“I numeri sono quelli lì, non sbraca mai a parte nell'ultima partita in cui ha subito quattro reti. Il Borgo San Donnino gioca con il 5-3-2 e resta sempre attaccato alla partita. Il fatto delle vittorie non trovate nell’ultimo periodo è un’arma a doppio taglio. Solitamente dicono che contro di noi non hanno niente da perdere, nel caso specifico ancora meno, quindi diventa un match ancora più delicato”.

Domenica scorsa per la prima volta avete adottato un modulo diverso in partenza, il 3-4-3.

“Siamo passati da una difesa a quattro ad una a tre. Lo abbiamo fatto per contrastare la loro fisicità e per evitare che le punte esterne venissero soffocate dal loro 3-5-2 e avere così due sottopunte più strette per dare un appoggio migliore a Mencagli. Di solito lo facciamo in corsa, contro il Real Forte Querceta lo abbiamo fatto da subito. Lo ritengo uno step che ci dà un livello di maturità in più e da più dubbi all'avversario”.

ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >
{* Smart banner Desktop *} {* Mirror Sticky Desktop *} {* Desktop *}