Mercoledý 30 Novembre21:50:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, ok a nuove regole governo per i turisti stranieri. Ma preoccupa inflazione alle stelle

Il sindaco Sadegholvaad chiede interventi per alleggerire le bollette

Turismo Rimini | 14:07 - 03 Febbraio 2022 Jamil Sadegholvaad Jamil Sadegholvaad.


Niente più restrizioni per i vaccinati, anche in zona rossa, green pass con durata illimitata per chi ha completato il ciclo vaccinale, ma anche per chi ha fatto solo due dosi di vaccino ed è guarito dal Covid, quarantena a scuola da 10 a 5 giorni e solo per i non vaccinati, didattica a distanza che scatta da cinque casi in su per nidi, materne ed elementari, stranieri che potranno accedere ad alberghi e ristoranti anche se hanno solo il pass base.

Sono le novità dell'ultimo decreto del Governo che entrerà in vigore da lunedì 7 febbraio: regole rivoluzionate ma questa volta l'obiettivo, grazie alle vaccinazioni e sulla base dei dati che indicano da giorni il calo della curva dei contagi, è quello di garantire ancora maggiore libertà a chi ha seguito le indicazioni e si è vaccinato, semplificare le regole, ridurre le restrizioni e riaprire l'Italia nelle prossime settimane.

Il nuovo decreto trova il plauso del sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, in particolar modo interessato alla normativa legata al turismo. I turisti stranieri vaccinati o guariti da meno di 6 mesi potranno accedere a tutti i servizi con il pass base, quelli in possesso di un certificato di guarigione o vaccinale da più di sei mesi, dovranno mostrare l'esito negativo di un tampone rapido o molecolare. Questo vale anche per chi ha ricevuto vaccini non riconosciuti dall'Italia, come lo Sputnik, il vaccino russo. La nuova normativa potrà quindi faciltare il ritorno dei turisti russi in Italia e a Rimini. 

Le prospettive, per la stagione turistica, che prenderà il via a Pasqua, sono buone. A preoccupare però, evidenzia il sindaco, "è l'inflazione spinta alle stelle dai rincari del costo dell'energia che si riversano con forza ciclonica su ogni cosa". L'incremento delle bollette e l'aumento dei prodotti provoca la crisi delle aziende e  un raffreddamento dei consumi, con ulteriore ricaduta negativa sulle attività commerciali. Sadegholvaad invita il governo a intervenire in maniera decisa contro il caro bollette: "Il Governo negli ultimi 5 mesi è intervenuto a più riprese con misure e stanziamenti di qualche miliardo per volta nel tentativo di contenere aumenti dell'energia che, se è possibile, altrimenti sarebbero stati ancora più elevati. Misure sicuramente utili, ma l'auspicio è che si superi l'approccio degli interventi in serie adottando provvedimenti anche straordinari e inediti, ma che siano efficaci e tangibili nell'immediato". 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >