Mercoledý 18 Maggio11:57:46
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, anche i cittadini partecipano al progetto per la nuova scuola di Rivazzurra

Il progetto sarà candidato ai fondi del Pnrr

Attualità Rimini | 15:39 - 25 Gennaio 2022 Un momento dell'incontro di presentazione del progetto Un momento dell'incontro di presentazione del progetto.


Erano circa cinquanta, in rappresentanza delle associazioni del quartiere e del territorio, i cittadini che ieri pomeriggio (lunedì 24 gennaio) hanno partecipato, nell'aula magna dell'ITT Marco Polo, all'avvio del processo partecipativo per la candidatura ai fondi Pnrr della nuova scuola elementare da realizzare al parco Pertini di Rivazzurra. Una scuola completamente nuova che andrebbe a sostituire quella attuale di via Sobrero, per la quale il Comune di Rimini intende partecipare al finanziamento dei fondi Pnrr "efficienza energetica e riqualificazione ambientale". Un'area di intervento che prevede soluzioni all'avanguardia dal punto di vista dell'impatto ambientale ed energetico, e relazioni virtuose con il contesto naturale e sociale in cui viene inserito il progetto. "Una scuola attesa da trent'anni", "me ne parlava mio babbo, sarei contenta di portarci i miei figli", "un'occasione per integrare le attività sociali e ricreative del parco con quelle educative della nuova scuola", "sarebbero belli anche riferimenti alla tradizione marinara della zona in cui è inserita": sono alcune delle suggestioni, dei contributi, delle speranze, delle esortazioni portate all'incontro dai cittadini che sono intervenuti in rappresentanza di diversi stakeholder territoriali, dai comitati turistici agli scout, dalle parrocchie ai ivivo, dalla pro loco alle cooperative sportive, fino al volontariato.

"Un radicale cambio di approccio – spiega l'amministrazione comunale di Rimini – che vede nella partecipazione dei cittadini il punto di partenza per progetti così importanti per la vita della comunità locale. Ogni contributo è stato trascritto e sarà riportato dal Comune di Rimini e dai progettisti ai funzionari del Ministero, per poi essere valutato e integrato nella progettazione"


 

< Articolo precedente Articolo successivo >