Giovedý 27 Gennaio16:01:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid Emilia Romagna, da lunedì probabile zona gialla: "Orizzonte molto vicino"

A dirlo l'Assessore regionale alla Sanità Raffaele Donini

Attualità Emilia Romagna | 11:49 - 03 Gennaio 2022 Covid Emilia Romagna, da lunedì probabile zona gialla: "Orizzonte molto vicino"

"La zona gialla è un orizzonte molto vicino. Noi oggi siamo un po' sopra il livello di guardia per la saturazione dei reparti di terapia intensiva e Covid. Venerdì scorso non lo eravamo. Nel caso in cui aumentassero i ricoveri e le dimissioni dei pazienti ricoverati non fossero altrettanto consistenti, sicuramente lunedì prossimo andremo in zona gialla". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sanità in Emilia-Romagna, Raffaele Donini, a margine di una conferenza stampa al policlinico Sant'Orsola di Bologna.

I numeri del contagio in Emilia-Romagna "sono alti e abbiamo buona ragione di ritenere che aumenteranno ancora, perché la variante Omicron che sta progredendo come candidata a rappresentare la maggioranza della circolazione virale, in alcune regioni lo è già, è molto più diffusiva. La cosa che possiamo fare, oltre che raccomandare le misure di prevenzione e i dispositivi di sicurezza individuale, è quella di continuare a vaccinare il più possibile". Anche a Natale e Capodanno sono stati raggiunti gli obiettivi della struttura commissariale, "e questa settimana andremo ancora più su: siamo ormai oltre un milione e 400mila cittadini che hanno la terza dose e ricordo - ha aggiunto - che la terza dose protegge al 70% per il contagio e oltre il 90& per la malattia grave". Quindi, "se è vero che la variante Omicron è meno aggressiva per le ripercussioni cliniche e questo avviene in una platea di vaccinati che aumenta, è anche vero che il 2% che necessita di cure ospedaliere su un numero molto ampio mette comunque in una situazione di criticità i nostri reparti". Attualmente il 72% dei ricoverati in terapia intensiva, ha ricordato, sono non vaccinati, così come la metà dei pazienti dei reparti Covid dove i non vaccinati "hanno una degenza più lunga e complicata".
 

< Articolo precedente Articolo successivo >