Mercoledý 26 Gennaio00:24:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La commedia immaginata: nuova mostra dedicata a Dante al museo della città

Mercoledì 29 dicembre alle ore 17 l'inaugurazione

Attualità Rimini | 12:38 - 21 Dicembre 2021 La commedia immaginata: nuova mostra dedicata a Dante al museo della città


Il 29 dicembre inaugura al Museo della città di Rimini la mostra che propone un viaggio attraverso le immagini che hanno illustrato, interpretato e divulgato il capolavoro dantesco nelle edizioni a stampa dal XV secolo ai giorni nostri. La mostra sarà aperta al pubblico fino all’8 marzo 2022 quando concluderà idealmente la serie di trenta eventi culturali delle celebrazioni dantesche riminesi all’insegna di "Francesca2021".

Mercoledì 29 dicembre alle ore 17, al Museo della Città ‘Luigi Tonini’, si inaugura la mostra La Commedia immaginata. L’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso di Dante illustrati da celebri artisti: Divine Commedie stampate tra XV e XXI secolo e 100 tavole dantesche del 1850 di Franz Adolf von Stürler.

La Commedia immaginata propone un viaggio attraverso le immagini che hanno illustrato, interpretato e divulgato il capolavoro dantesco nelle edizioni a stampa dal XV secolo ai giorni nostri.

Immaginata perché, dalla fine del Settecento, le illustrazioni delle Commedie non furono più semplice corredo al testo come nei secoli precedenti, ma diventarono vere e proprie narrazioni autonome frutto dell’interpretazione e dell’invenzione degli illustratori. Spesso proposte anche senza i versi di Dante.

L’esposizione si articola in due percorsi.

Il primo, 1487 – 2021, attraverso una selezione di Divine Commedie, mostra come, in sette secoli, siano profondamente mutate le tecniche a stampa e, soprattutto, le narrazioni visive dell’opera del Poeta, dalla prima edizione illustrata delle Commedia edita nel 1487 a Brescia da Bonino de’ Bonini, alla Commedia popup con realtà aumentata realizzata nel 2021 da Massimo Missiroli e Paolo Rambelli.

Il secondo percorso, Canto per Canto, popone 100 tavole incise del pittore francese Franz Adolf von Stürler, (Parigi 1802 - Versailles 1881), discepolo di Ingres, per lunghi anni in Italia come studioso e come insegnante di pittura, innamorato degli artisti del Medio Evo e del Rinascimento. La scelta di narrare tutti i canti della Commedia attraverso le sue interpretazioni grafiche si deve alla semplicità delle sue tavole che permettono di seguire la narrazione visiva in parallelo con il poema dantesco. Una Commedia raffinata e. soprattutto, prezioso strumento didattico.

La mostra è un omaggio a Francesca e a Rimini, la città da cui prende il nome: infatti la figura mitica di Francesca da Rimini che, del percorso, è testimone esemplare, è il personaggio più raffigurato nelle Commedie illustrate di ogni tempo.

L’inaugurazione della mostra sarà introdotta dal prof. Marco Veglia, dantista dell’Università degli studi di Bologna e dal curatore prof. Ferruccio Farina del Centro Internazionale di Studi Francesca da Rimini con l’accompagnamento delle musiche dell’Ottocento dedicate a Francesca da Rimini eseguite dal Maestro Paolo Fantini.

La mostra sarà aperta al pubblico fino all’8 marzo 2022 quando concluderà idealmente la serie di trenta eventi culturali delle celebrazioni dantesche riminesi all’insegna di "Francesca2021" iniziate l’8 marzo 2021 con WorldWide Kisses | Baci dal mondo, che ha visto collegarsi venticinque prestigiose università di tutto il mondo per recitare e animare il canto di Francesca da Rimini in una maratona poetica planetaria. Un anno di iniziative che hanno animato città, rocche e castelli dei territori malatestiani all’insegna della Divina Commedia e del suo personaggio più amato.

Prenotazione obbligatoria per la giornata di inaugurazione 29 dicembre 2021 ore 17 . Prenotazioni online sul sito www.ticketlandia.com

 

< Articolo precedente Articolo successivo >