Venerd́ 28 Gennaio11:29:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Trattati da passeggeri di seconda classe da parte dell'organizzazione della Start 

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un utente

Attualità Rimini | 09:06 - 19 Dicembre 2021 Un mezzo di Start Romagna Un mezzo di Start Romagna.

Disagi per i pendolari che utilizzano il bus nelle tratte che collegano Rimini alla Valmarecchia. Una lettrice ha contattato la nostra redazione segnalando una serie di problemi. "I pendolari della Valmarecchia sono gli abbonati che più pagano sia in termini economici sia in termini di disagio." scrive la signora che lamenta una non puntuale informazione rispetto alla comunicazione degli scioperi "In caso di sciopero non vengono avvisati da opportuni cartelli alla fermata. È successo negli ultimi due scioperi. In seguito alla nostra segnalazione in merito ci è stato risposto che dobbiamo tenere d'occhio il sito della Start che lì comunica le variazioni. Io stessa che un pochino tecnologica sono, non ho il tempo di osservare la pagina Start ogni giorno, e da termini di legge l'azienda è tenuta a comunicare le variazioni "in ogni modo" senza escludere persone anziane, disabili, e di diversa lingua ed etnia". Una situazione che si verifica anche con il cambio di orario o soppressione delle corse. "Già una mattina soppressero una Novafeltria Rimini unica corsa diretta in stazione,  e lì io come tanti, ci salvammo perché alcuni autisti si fermarono per dire di salire sulle corse studenti in modo da arrivare almeno a Rimini. Ma poi è successo ancora come ieri (sabato n.d.r.). La corsa delle 12.45 che si è svolta normalmente anche in giorno di sciopero, ieri (sabato) è stata soppressa senza preavviso. Pronta è stata la risposta della Start che ha girato la responsabilità a carico degli autisti non vaccinati." 
Il disagio segnalato dalla signora non riguarda solo il fatto di non riuscire a raggiungere la meta ma anche l'attesa del bus in condizioni meteo non favorevoli "Ma almeno avvisare in modo che il povero pendolare possa infilarsi in un bar al caldo per aspettare!!!  No. Dobbiamo restare lì alla pensilina per un'ora al freddo e dopo che abbiamo pagato, ci sentiamo scaricare la responsabilità verso terzi."
La nostra lettrice conclude affermando di sentirsi trattata, come gli altri pendolari, da "passeggera di seconda classe".
 

Il commento di Ugl Autoferrotranvieri Romagna 

< Articolo precedente Articolo successivo >