Marted́ 25 Gennaio22:04:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Alcione-Rimini 0-2, mister Gaburro: 'Un'altra partita sporca, questa è una vittoria importante'

Il tecnico: 'Ci siamo trovati di fronte un muro, nella ripresa abbiamo utilizzato meglio le fasce'

Sport Rimini | 19:27 - 04 Dicembre 2021 Marco Gaburro (foto Venturini) Marco Gaburro (foto Venturini).

Il Rimini allunga sul Lentigione a +3 facendo bottino pieno a Milano contro l'Alcione in una partita scorbutica almeo fino al gol che ha messo in discesa il match in avvio di ripresa.

“Ci aspettavamo una partita diversa: sapevamo che l’Alcione è una squadra che gioca e palleggia, invece l'assenza di Piccinocchi ha fatto cambiare a mister Cusatis l'assetto tattico - spiega misetr Gaburro nel dopo partita - . Loro sono parttiti a cinque, cosa che non avevano mai fatto. Ci siamo trovati di fronte un muro che non ci aspettavamo e duqnue la gara non è stata aperta come ci aspettavamo e inoltre il campo si è rivelato scivoloso. Abbiamo avuto grande possesso palla nel primo tempo però pochissima incisività in area. Di fronte al loro muro abbiamo fatto fatica”.

Ad inizio secondo tempo ha cambiato due pedine...

“Ci servivano delle chiavi un po’ diverse, alla fine del primo tempo ho deciso di metterci a tre dietro perché non era impegnativa la fase di possesso e sfruttare meglio le corsie esterne: aprendo Piscitella e Andreis speravamo di avere giocatori diversi nell’ampiezza in modo da trovare magari il bandolo per poter poi sfondare, magari riempendo un po’ di più l’area con Germinale. Abbiamo trovato il gol subito e questo ci ha aiutato”.

L'espulsione di Andreis ha complicato i piani.

“La mia impressione è che se non ci fosse stata l’espulsione la partita l’avremmo controllata molto meglio. In dieci, in un campo del genere, a così tanto dalla fine, diventa anche un po’ più problematico e qualcosa abbiamo rischiato su qualche situazione e mischia. Col passare dei minuti è diventata solo una partita caratteriale e penso che abbiamo mostrato carattere. Poi l'abbiamo chiusa. Siamo stati bravi a fare il pieno anche in una giornata che non era espressione del calcio che amiamo fare. Per stare davanti devi vincere anche queste partite ed averlo fatto al contrario di quanto accaduto a Bagnolo e Mezzolara è molto importante”.

< Articolo precedente Articolo successivo >