Luned́ 24 Gennaio00:14:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini-Ravenna 1-1. Mister Gaburro: "Un punto ci sta stretto, ma le risposte sono state ottime"

Il tecnico: "Abbiamo sprecato molto, il rigore era netto. La squadra ha sfoderato una gran prestazione"

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 18:38 - 28 Novembre 2021 Marco Gaburro (foto Venturini) Marco Gaburro (foto Venturini).


C’è rammarico in casa del Rimini per la vittoria sfumata a fronte di una seconda parte di gara in cui i biancorossi, dopo il gol del pareggio del Ravenna, hanno costruito una serie di occasioni non concretizzate oltre a recriminare per un rigore su Tomassini non concesso dall’arbitro che pure era vicino all'azione.

Il tecnico della squadra biancorossa Marco Gaburro è rammaricato per la mancata vittoria, ma è soddisfatto per la prova della squadra: “Si è vista una partita intensa e una squadra  - la mia – dominare la partita. Il bilancio tra situazioni concesse e situazioni favorevoli non si è tradotto in una vittoria, resta la consapevolezza di aver interpretato una partita di personalità”.

Come ha visto gli episodi discussi, cioè il gol di Mencagli e il rigore su Tomassini?

“Mencagli era dietro i due difensori, è sicuro. Il rigore alla fine c’era e non è stato fischiato. Ma al di là di questo la mia squadra avrebbe dovuto segnare la seconda rete comunque in virtù delle occasioni che abbiamo costruito, quattro solo negli ultimi cinque minuti. Siamo in un momento in cui costruiamo 6-7 palle gol a partita, abbiamo le forze per vincere senza situazioni da rigore o meno. Prendiamoci il risultato, ma prendiamoci anche tutto quanto di buono abbiamo fatto”.

Sul gol subito si poteva fare di più?

“Voglio rivedere l’episodio. Ho la sensazione che il nostro portiere abbia commesso un errore di valutazione, che la palla fosse fuori dallo specchio. Può succedere in 13 partite di sbagliare”.

Cosa ha detto questa partita?

“Il Rimini è una squadra che sa fare la partita anche contro squadre aggressive, è stata quella di oggi un mix delle partite giocate contro avversari più fisici da un lato e che palleggiano di più dall'altro. Abbiamo retto bene l’urto e abbiamo mantenuto la freschezza nell’attacco degli ultimi 20 metri. A me è piaciuta la partita, anche per merito del Ravenna. Abbiamo avuto solo un momento poco dopo l’1-1 in cui sembravamo aver perso un attimo di padronanza”.

Perché Pietrangeli in difesa con Greselin nel mezzo?

“Ho fatto questa scelta per giocare con tre over in mezzo al campo e avere più qualità di palleggio e quindi avevo bisogno di un under in difesa e Pietrangeli ha sempre fatto bene. Con Greselin abbiamo sfruttato meno la fascia e più il corridoio centrale. Ho ragazzi che quando li chiami in causa rispondono sempre presente e anche oggi sono stati bravi tutti”.

Sull’altro fronte mister Andrea Dossena commenta: "Faccio i complimenti alla mia squadra per l’atteggiamento che ha avuto, non ha mai mollato anche in svantaggio e ci ha sempre creduto e sull’1-1 avremmo potuto anche trovare la giocata per andare in vantaggio”.

Sugli episodi incriminati glissa: “Dalla panchina si vede poco, credo comunque che alla fine l’uno compensi l’altro e così a fine stagione il dare e l’avere è in parità”.

Sulla lotta promozione: “Il Rimini ha una formidabile media punti, se continuerà con questo passo non ce ne sarà per nessuno. Noi dobbiamo fare il massimo per farci trovare pronti nel caso in cui si aprissero degli spiragli”.

 

ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >