Domenica 05 Dicembre06:49:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sciopero no green pass, sei dipendenti del comune di Rimini rischiano lo stipendio

L'amministrazione comunale riminese, con una circolare, ha dato tempo fino al 19 novembre per modificare la giustificazione di assenza per sciopero

Attualità Rimini | 10:36 - 18 Novembre 2021 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

Sei dipendenti comunali di Rimini che hanno aderito allo sciopero contro il Green pass dall'1 al 15 novembre indetto dalla Fisi rischiano ora lo stipendio. La Commissione di garanzia scioperi ha infatti stabilito che l'adesione a tale sciopero o a successivi, indetti dalla stessa federazione e per gli stessi motivi, "è da ritenersi ingiustificata a tutti gli effetti di legge". Così chiarisce il Comune di Rimini in una nota, come riporta la stampa locale. Lo sciopero era stato indetto in "difesa dei valori costituzionali minacciati da gravi eventi lesivi dell'incolumità e della sicurezza dei lavoratori (lavoratori soggetti ad obbligo di vaccino e certificazione verde sia pubblici che privati)". L'amministrazione comunale riminese, con una circolare, ha dato tempo fino al 19 novembre per modificare la giustificazione di assenza per sciopero, ricorrendo ad esempio a motivi personali, ferie o recupero ore di straordinario. "Trascorso tale termine senza che siano pervenute richieste di modifica - precisa Palazzo Garampi - si riterrà l'assenza ingiustificata ed è quindi prevista la mancata retribuzione per i giorni di non prestazione del servizio". E nel caso in cui il dipendente aderisca ad altre analoghe giornate di sciopero della Fisi, "oltre all'assenza ingiustificata si procederà all'attivazione di un procedimento disciplinare nei confronti degli aderenti". 

< Articolo precedente Articolo successivo >