Luned́ 06 Dicembre23:15:40
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid: sindaco Zanchini chiede sedute vaccinali per terza dose a Novafeltria

Al fine di agevolare le tante persone residenti in Alta Valmarecchia che a breve dovranno effettuare l'inoculazione della terza dose

Attualità Novafeltria | 11:08 - 13 Novembre 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


di Riccardo Giannini

Il governo chiede di accelerare sulla terza dose del vaccino anti Covid, ma il limite temporale dei sei mesi tra la seconda e la terza inoculazione implica un problema pratico: in Provincia di Rimini, con una sola sede vaccinale, tra dicembre e gennaio si rischiano lunghissime code, in quanto tanti cittadini hanno completato l'immunizzazione con due dosi tra giugno e agosto. Il rischio, al di là del disagio per molti anziani di dover affrontare lunghe file, è che la terza dose, per molti settantenni, possa slittare oltre il sesto mese.

Per i cittadini dell'Alta Valmarecchia c'è un ulteriore criticità: la distanza che separa il territorio dal centro vaccinale, posto sulla consolare Rimini-San Marino. Per prime e seconde dosi, era a disposizione l'hub vaccinale presso la casa residenza per anziani di Novafeltria, ma la sua riapertura è un ipotesi impraticabile per ragioni di costi (non solo in termini di personale), ma anche per una ragione pratica: il trasferimento, entro fine 2021, degli anziani dalla casa di riposo di Talamello alla Cra novafeltriese. 

Il sindaco di Novafeltria Stefano Zanchini ha già sollevato la questione all'Ausl Romagna. La soluzione è stata trovata e sarà proposta dal primo cittadino novafeltriese lunedì pomeriggio (15 novembre) durante la conferenza territoriale socio-sanitaria con gli altri sindaci del riminese e i vertici dell'Ausl: "chiederò delle sedute vaccinali, un congruo numero, presso la casa della salute di Novafeltria, all'ospedale Sacra Famiglia, che sabato è chiusa. Medici e infermieri hanno già dato disponibilità". Soluzione che potrebbe anche essere replicata in altri comuni del riminese, per evitare che l'unico hub vaccinale operativo vada in tilt nei mesi cruciali dell'inverno.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >