Marted́ 07 Dicembre23:03:03
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Consiglio comunale in presenza a Coriano, seduta pubblica al teatro CorTe

Controlli rigidi dei green pass per accedere e mascherine a coprire naso e bocca per i politici ma anche per coloro che tra il pubblico hanno assistito

Attualità Coriano | 11:55 - 10 Novembre 2021 Consiglio comunale in presenza Consiglio comunale in presenza.

E’ tornato a riunirsi in presenza il Consiglio comunale di Coriano. Martedì sera, presso la Sala Isotta del Teatro CorTe, sindaco, Giunta e consiglieri di maggioranza e minoranza hanno potuto riassaporare il clima del confronto politico non più attraverso computer, tablet o telefonini ma di persona nel rispetto – argomento su cui ha insistito il presidente del Consiglio comunale Primiano Rosa in apertura di lavori, dando il bentornato ai presenti – dei protocolli anti Covid.

Il sindaco Domenica Spinelli ha salutato e ribadito l’importanza di aver imboccato tutti la strada della ripartenza, segnale di speranza per il futuro e determinante per la vita sociale ed economica di noi tutti. 

Controlli rigidi dei green pass per accedere e mascherine a coprire naso e bocca per i politici ma anche per coloro che tra il pubblico hanno assistito.

In apertura di lavori l’assessore Beatrice Boschetti ha illustrato i cinque bandi appena aperti dall’amministrazione comunale a sostegno del territorio, dei cittadini e delle associazioni di cui abbiamo già dato notizia. Le domande possono essere presentate solo on line attraverso il sito del Comune dopo essere entrati in possesso dello SPID.
Approvata con i voti della maggioranza, contraria la minoranza, la variazione di bilancio illustrata dal vicesindaco e assessore Gianluca Ugolini.

Approvato all’unanimità un ordine del giorno, presentato dall’opposizione e riferito ai gravissimi fatti di Roma del 9 ottobre scorso, attraverso il quale si esprime “solidarietà alla Cgil, alle forze dell’ordine e alle istituzioni democratiche della città nel sostenere ogni azione necessaria che possa condurre allo scioglimento delle forze di stampo chiaramente fascista”. Situazione, peraltro, già stigmatizzata e ampiamente condannata all’indomani dei fatti dal sindaco Spinelli e da altri sindaci del territorio (Casteldelci, Montefiore Conca, Morciano, Riccione, San Leo, Novafeltria, Talamello, Bellaria Igea Marina) con parole di ferma e decisa presa di posizione contro ogni genere di violenza riprese anche dai media e dalla stampa. 
Molto più articolato, sullo stesso argomento,  l’ordine del giorno che il capogruppo di maggioranza Loris Mazzotti ha illustrato, avente per oggetto “Contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza”

Mazzotti ha ricordato, nel corso dei suo intervento, la “Risoluzione del Parlamento Europeo del 19 settembre 2019 sull’importanza della memoria europea per il futuro dell’Europa” che, approvata a larghissima maggioranza, ha riconosciuto espressamente che “la memoria delle vittime dei regimi totalitari e autoritari, il riconoscimento del retaggio europeo comune dei crimini commessi dalla dittatura comunista, nazista e di altro tipo” sono di vitale importanza per costruire la resilienza europea alle “moderne minacce esterne”.

Nasce da questi presupposti la proposta avanzata a sindaco e amministrazione comunale che si basa su quattro capitoli: esprimere la totale adesione morale e politica ai principi contenuti nella stessa Risoluzione europea contro ogni totalitarismo e a trasmettere l’esito della proposta al presidente del Consiglio europeo; celebrare il 23 agosto la Giornata europea di commemorazione delle vittime dei regimi totalitari e sensibilizzare le generazioni più giovani per il tramite del coinvolgimento di tutte le scuole di ogni ordine e grado del territorio; promuovere la documentazione del tragico passato totalitario per le vicende che hanno concretamente interessato il territorio comunale; affermare, infine, la cultura di una memoria condivisa che respinga i crimini dei regimi nazisti, comunisti, fascisti e stalinisti e di altri regimi totalitari e autoritari del passato.

L’ordine del giorno in questione non è stato posto in votazione: lo sarà nel corso della prossima seduta consiliare dando così il tempo a tutti i consiglieri di approfondirlo (vista la sua vastità) per potersi esprimere. 

< Articolo precedente Articolo successivo >