Mercoledý 01 Dicembre11:46:18
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Muore in bici contro auto, tra i testimoni Alfio Vandi

Fatale fu l'impatto con una Fiat Punto condotta da una cinquantenne residente in Alta Valmarecchia

Cronaca Rimini | 07:52 - 10 Novembre 2021 Il luogo dell'incidente in cui perse la vita il riminese Gianluca Grossi Il luogo dell'incidente in cui perse la vita il riminese Gianluca Grossi.

Prosegue il processo sulla morte di Gianluca Grossi, 54enne di Rimini, che perse la vita il 21 agosto 2018 in un incidente stradale durante un'escursione in bicicletta in Alta Valmarecchia, sulla strada provinciale 91, nel tratto che dalle Balze conduce a Casteldelci. Fatale fu l'impatto con una Fiat Punto condotta da una cinquantenne residente in Alta Valmarecchia, accusata di omicidio stradale e difesa dall'avvocato Raffaele Moretti. L'automobile percorreva la strada e al momento di girare a sinistra, al bivio che conduce in località Senatello, avvenne il sinistro fatale a Grossi, che stava affrontando la stessa discesa, assieme ad altri ciclisti, tra cui la gloria del ciclismo riminese Alfio Vandi.

Proprio quest'ultimo è stato tra i tre testimoni sentiti in tribunale martedì scorso (9 novembre), assieme a uno dei Carabinieri sul posto per i rilievi del sinistro e al perito incaricato dalla Procura di ricostruire la dinamica dell'incidente, avvenuto in una strada con una notevole pendenza in discesa. Quest'ultimo, nella sua relazione, ha sottolineato la corresponsabilità dell'imputata, leggermente contromano al momento di effettuare la svolta a sinistra. Vandi invece ha dichiarato di essere stato superato da Grossi e di non aver visto la collisione fatale, ma solo il momento successivo. Il processo proseguirà in primavera, con la convocazione di altri quattro testimoni, questa volta della difesa. In aula ci sarà anche l'imputata.

< Articolo precedente Articolo successivo >