Domenica 28 Novembre04:28:53
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Pesca cambia sede e guarda al futuro: "Storia e passione"

E' una delle pietre miliari del commercio riminese, aperto da oltre 50 anni

Attualità Rimini | 08:42 - 05 Novembre 2021 Rimini Pesca cambia sede e guarda al futuro: "Storia e passione"



Il nonno Libero Perazzini era un pescatore professionista e affrontava le insidie del mare a bordo del suo moscone. E' stato lui a tramandare la passione per la pesca a Fabio Moretti, riminese 55enne e titolare, assieme al socio Gabriele Paganelli, di "Rimini Pesca", punto di riferimento per gli appassionati di pesca sportiva e agonistica. 

Negli anni '70 l'attività si chiamava "Armeria Tiberio" e si trovava nel borgo San Giuliano. Cambiò il nome in "Rimini Pesca", poi il 1 gennaio 1990 ci fu un avvicendamento alla proprietà. Fabio Moretti all'epoca era un rappresentante di articoli di pesca e decise di mettersi in proprio. Si dice che per un pescatore non c'è cosa migliore che far conoscenza con i pesci fin da bambino. Così è stato per Fabio, grazie a nonno Libero. "Ho deciso di unire l'utile al dilettevole, rilevando l'attività negli anni '90", scherza. In effetti non è solo un imprenditore, ma anche un agonista. Fa parte del team "L'amo santarcangiolese", società tra le prime in Italia: "Facciamo gare a livello nazionale, quest'anno abbiamo vinto il trofeo di A3 e siamo stati quinti al campionato italiano per società". Individualmente, Moretti ha vinto i campionati italiani nel 2019: gira tutta Italia per le gare e perfeziona la tecnica di pesca al colpo, sua specialità, nei laghetti della zona, in primis il Lago Pascoli.

Tornando invece al lavoro, Fabio si appresta a inaugurare una nuova pagina della storia di "Rimini Pesca". Sabato prossimo (6 novembre), alle 16, sarà infatti inaugurata la nuova sede in via Nuova Circonvallazione, la terza nella storia dell'attività. Una decina di anni fa, infatti, il primo trasferimento, dal borgo San Giuliano a Rivabella: "Oramai in zona del Ponte di Tiberio si era sviluppata un'altra Rimini, legata alla movida, con bar e ristoranti. Io, vendendo articoli inerenti al mare, ho pensato di spostarmi appunto più vicino al mare. Ora però arrivare in via Coletti è complicato per il traffico e ci sono problemi di parcheggio". Da qui la decisione di spostarsi in via Nuova Circonvallazione, raddoppiando gli spazi a disposizione (da 150 a 350 mq): "Nei momenti di crisi, come si suol dire, bisogna investire e io, con il mio socio Gabriele, ho colto l'occasione". Cinque anni fa Paganelli fu assunto come dipendente ("E' il figlio di un mio caro amico con cui andavo a pescare"), ma le sue qualità hanno convinto Moretti, che gli ha proposto di entrare in società: "Quando Fabio mi ha fatto la proposta, ho detto subito di sì per due motivi: in primo luogo perché era una grande opportunità dal punto di vista lavorativo, anche in previsione futura; in secondo luogo perché fin da piccolo frequentavo Rimini Pesca, essendo mio padre e mio zio grandi appassionati. E' stato un onore per me entrare in questa grande famiglia". Ma ora, con i due, ci sarà anche il figlio di Fabio, Filippo, a dimostrazione che la passione per la pesca è quasi sempre un affare di famiglia. 

ric. gia.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >