Venerd́ 03 Dicembre08:51:11
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Bubana Filippi trasforma il suo locale nel set di un film e omaggia il cinema di Petri e Volonte'

Diciotto serate speciali per Soul Kitchen, nome che richiama il film del 2009 di Fatih Akin

Attualità Rimini | 11:22 - 01 Novembre 2021 Roberto "Bubana" Filippi Roberto "Bubana" Filippi.


Da giovedì 4 novembre e per sei settimane consecutive, Paolo Bissaro e Roberto “Bubana” Filippi trasformano il Pizzicagnolo in Soul Kitchen: 18 serate fra cucina, cibo, vino, arte, musica e divertimento con menu abbinati a cantine proposte da sommelier di alto livello. Si parte con l’aperitivo-‘assembramento sospetto’ aperto a tutti e si godrà di concerti, poesia, spezzoni di film. E per due settimane ecco gli appuntamenti BYOB (bring your own booze): sarà cioè possibile portare il vino da casa e condividerlo con i commensali.

Nasce così da una chiacchierata fra due vecchi amici di vita e passione per il cibo, il progetto “Soul Kitchen”: 18 serate che a partire dal 4 novembre per sei settimane faranno del Pizzicagnolo di via Carlo Matteucci 4 ogni giovedì, venerdì e sabato una sorta di set della fortunata pellicola di Fatih Akin (del 2009) ai piedi del grattacielo. 

“Ci sono mondi che si incontrano inevitabilmente nonostante siano diversi: da una parte il mio, quello di Bissa con la ricerca di buono e di vero da gustare cercando nuove strade nei sapori e dall’altra quello di Bubana, Roberto Filippi, nel trovare ciò che di più buono c’è dai tempi non sospetti in cui ancora il chilometro zero era una macchina in vendita in qualche autosalone.  Il gioco sarà proprio questo, ‘Bubi’ tutte le settimane mi darà quello che di buono scova dai pescatori e dagli agricoltori e io comporrò una serie di piatti che saranno proposti dando vita a un meltin pot culturale che ci divertirà e vi stupirà per la degustazione” spiega Bissaro, tracciando lo schema di un format in divenire.

“Il menu sarà settimanale e a ogni proposta verranno associati vini abbinati da un sommelier: partiremo con Andrea Rignoli della Canonica, il bib gourmand Michelin di Casteldimezzo, proseguiremo con Vincenzo Donatiello di Piazza Duomo, il tre stelle Michelin di Enrico Crippa ad Alba, e chiuderemo il cerchio Riccardo Agostini (Enoteca Monte Giove ed Enoteca del Teatro) e Roberto Mascarin della Cantina San Valentino. Ogni serata sarà aperta da un aperitivo-assembramento sospetto aperto a tutti dalle 20 alle 21 in omaggio al cinema anni ’70 di Elio Petri con le voci di Gian Maria Volonté e avrà un accompagnamento artistico: la fisarmonica di Simone Zanchini, poesie della tradizione, spezzoni di film…”, prosegue Bissaro, rivelando l’ultima chicca: “In due delle sei settimane sono in cartellone appuntamenti BYOB (bring your own booze): sarà cioè possibile portare il vino da casa da abbinare al menu del giorno. Uno degli obiettivi di ‘Soul Kitchen’ è la condivisione, a tavola e non solo”

 

< Articolo precedente Articolo successivo >