Luned́ 06 Dicembre21:49:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

No odg su assalto alla Cgil di Roma, Lega Santarcangelo: "dalla maggioranza accuse ripugnanti"

La nota dei consiglieri: "Vanno condannati tutti gli estremismi, sia di destra che di sinistra"

Attualità Santarcangelo di Romagna | 20:14 - 31 Ottobre 2021 Piazza Ganganelli Piazza Ganganelli.

I consiglieri comunali dela Lega rispondono ai gruppi di maggioranza, dopo le accuse di "essere dalla parte dei neo fascisti", per aver abbandonato l'aula del consiglio comunale nel momento in cui veniva presentato un odg per condannare l'assalto alla Cgil di Roma, durante la manifestazione dei no green pass dello scorso 10 ottobre. "Gli epiteti della maggioranza consiliare sono inaccettabili e ripugnanti", attaccano, evidenziando: "La sola parola che la sinistra Santarcangiolese sa usare continuamente è Fascismo, che altro non è che il solito stratagemma per distogliere l’attenzione dai veri problemi e soprattutto voler gettare continuamente discredito su coloro che non si allinea al loro pensiero iconoclasta e disfattista. Il fascismo è morto ora esistono solo estremismi di destra e di sinistra che vanno tutti condannati senza eccezione alcuna, rossi o neri che siano”.

I consiglieri della Lega fanno l'esempio del Parlamento, dove il centrodestra ha proposto un enedamento per lo scioglimento "di tutti quei partiti, movimenti  o associazionisimi eversivi e sovversivi che tendono a minacciare le solide basi della democrazia", un emendamento "rifiutato dal Pd e dal centro sinistra", da qui l'uscita dall'aula dei gruppi parlamentari del centrodestra: "non hanno partecipato a una votazione assolutamente faziosa e non inclusiva di tutte le problematiche, pertanto anche a livello locale ci si è comportati di conseguenza".

Chiosano gli esponenti clementini della Lega: “Non è ammissibile che per le sinistre, esitano solamente violenze perpetrate da dichiarati movimenti di Destra mentre le agitazioni di sinistra vengano sempre edulcorate e minimizzare. In ultimo teniamoo a ricordare che durante la visita nel nostro paese del Senatore Salvini nel novembre 2019 centinaia di appartenenti all’ ANPI alle sinistre santarcangiolesi e centri sociali, hanno creato un clima di terrore e paura per la popolazione presente nel contestare e proibire a Salvini, la visita alla Fiera di San Martino. In quella occasione la maggioranza consiliare respinse ogni addebito asserendo che la colpa fu dello stesso Salvini in quanto non era ospite gradito”


 

< Articolo precedente Articolo successivo >