Venerd́ 03 Dicembre08:42:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, Lega abbandona aula per odg contro fascismo. Maggioranza all’attacco

I gruppi di maggioranza: "Disprezzo per la democrazia"

Attualità Santarcangelo di Romagna | 11:35 - 30 Ottobre 2021 Municipio di Santarcangelo Municipio di Santarcangelo.


“La Lega di Santarcangelo ha scelto di stare dalla parte dei neo fascisti”. I gruppi di maggioranza attaccano in una nota congiunta a firma Partito Democratico, Più Santarcangelo e PenSa-Una Mano per Santarcangelo, in cui evidenziano la propria disapprovazione per quanto accaduto giovedì sera in consiglio comunale.

“In quella che era la prima seduta utile dopo il vergognoso assalto alla sede della Cgil di Roma, abbiamo presentato un ordine del giorno di solidarietà alla stessa e a tutti i sindacati che il 16 ottobre si sono riuniti in piazza, alle forze dell’ordine e agli operatori sanitari dell’ospedale Umberto I attaccati dai manifestanti chiedendo a tutte le istituzioni democratiche di Santarcangelo di sostenere nelle sedi opportune ogni azione necessaria per condurre allo scioglimento di forze di stampo chiaramente fascista. Bene, mentre lo leggevamo i consiglieri leghisti hanno abbandonato l’aula”, rimarcano gli esponenti della maggioranza clementina, ricordando: “I fatti sono ormai acclarati: noti appartenenti a Forza Nuova (ora in stato di arresto) hanno assaltato la sede romana della Cgil, un’azione di distruzione reale ma anche fortemente simbolica con un obiettivo accuratamente scelto. I sindacati hanno quindi espresso sdegno e vicinanza che è sfociata nella grande manifestazione democratica del sabato successivo“.

Nell’allegare il testo dell’ordine del giorno, Pd, Più Santarcangelo e PenSa-Una Mano per Santarcangelo evidenziano: “Nel testo mai si parla di Lega, ma i nostri colleghi si sono alzati e se ne sono andati prima ancora che iniziasse il dibattito. In una volta sola hanno quindi mostrato implicitamente vicinanza a gruppi dichiarati di neo-fascisti che compiono, con i simboli del nazi-fascismo tatuati sulla pelle, pestaggi e azioni violente e, contemporaneamente, hanno disprezzato la democrazia abbandonando l’aula e negando il confronto. Una pagina davvero bruttissima per il nostro Comune”.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >