Sabato 27 Novembre16:14:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Clemente: 600 mila euro per la lotta al dissesto idrogeologico

Il comune e i cittadini uniti per la sicurezza del territorio

Attualità San Clemente | 11:45 - 28 Ottobre 2021 San Clemente visto da agello San Clemente visto da agello.

L’Amministrazione di San Clemente ha avviato i lavori per le verifiche tecniche necessarie ad appurare alcune criticità presenti sul territorio sotto il profilo del dissesto idrogeologico (9 i siti più esposti). Le indagini sono propedeutiche ai prossimi interventi di messa in sicurezza del territorio e della rete stradale. “L’impegno economico sostenuto complessivamente - spiega la Sindaca Mirna Cecchini - è a dir poco notevole e compare tra i più importanti mai decisi dall’ente locale negli ultimi anni: a conti fatti si quantifica nell’ordine dei 600mila euro totali per indagini, rilievi, interventi e opere resi disponibili attraverso un finanziamento dello Stato. Ed è proprio in un’ottica voluta a unire l’aspetto informativo a quello più prettamente tecnico-operativo che stiamo provvedendo a una serie d’incontri, assieme ai nostri uffici, per illustrare ai proprietari dei terreni soggetti all’indagine come si procederà passo a passo e quali saranno le fasi successive all’indagine così da mantenere nel tempo uno stretto rapporto di collaborazione”
 

“Il territorio di San Clemente - ricorda l’Assessore ai Lavori Pubblici, Christian D’Andrea - è soggetto a dissesto idrogeologico e movimenti franosi, esistono alcune situazioni da approfondire, altre potenzialmente instabili, frane quiescenti da monitorare, dissesti attivi, dovuti alla sua natura geologica e geomorfologica, in un contesto in gran parte collinare. Attraverso l’adozione di questa puntuale attività conoscitiva, che non può prescindere dalla fattiva disponibilità dei cittadini in virtù dell’estensione del monitoraggio saremo in grado d’impostare tutte le successive condizioni progettuali arrivando a definire con altrettanta precisione la programmazione dei cantieri”. 

< Articolo precedente Articolo successivo >