Mercoledý 01 Dicembre10:13:29
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Giovanni in Marignano si impegna per l'inclusione scolastica

Il "Progetto di vita" è il nuovo servizio che abbraccia tutta la comunità

Attualità San Giovanni in Marignano | 14:50 - 27 Ottobre 2021 La riunione di martedì 26 ottobre La riunione di martedì 26 ottobre.


Ieri pomeriggio, martedì 26 ottobre, in presenza del Sindaco Daniele Morelli, nella Sala del Consiglio e in diretta dalla pagina Facebook del Comune di San Giovanni in Marignano è stato presentato alla cittadinanza il nuovo modello d’Inclusione scolastica che, in via sperimentale, partirà già da questo anno scolastico. Il progetto è stato presentato dall’Assessore alla Pubblica Istruzione Michela Bertuccioli e da una squadra di lavoro composta dalla referente dell’Area Servizi alla Persona Simona Trivelli, dalla Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale Nadia Vandi, dalle referenti di Consorzio Blu Soc. Coop. e Ancora coop, aggiudicatarie del servizio a seguito della gara europea ad evidenza pubblica e dai Presidenti dell’Associazione Davide Pacassoni e Scuolinfesta.

Il servizio di inclusione/integrazione scolastica nella sua formula tradizionale riguarda alunni con disabilità certificate, residenti nel Comune di San Giovanni in Marignano e frequentanti tutti gli ordini di studio: Nido, Scuola dell’Infanzia, Scuole Primarie e Secondarie di 1° e 2° grado, statali e paritarie.

Nello specifico, i numeri del servizio nel Comune di San Giovanni in Marignano vedono, solo negli ultimi 4 anni scolastici (tra 2018/2019 e 2021/2022) un aumento medio delle richieste del servizio di integrazione del 50%, tanto che il personale educativo impiegato è passato da 13 a 22 unità. A questo è seguito il relativo aumento di stanziamento di spesa iniziale, passando da 175.000 € per l’anno scolastico 2018/2019 ad una spesa presunta, per l’A.S. 2021/2022 di circa 340.000 €.

A fronte della rilevanza dell’investimento economico, che è diventato la prima voce del Bilancio marignanese, è maturata la consapevolezza che il servizio tradizionalmente concepito ha ampi margini di miglioramento. In tal senso l’Amministrazione marignanese, a partire dal 2019, ha iniziato un importante e complesso percorso di studio ed analisi sul tema, dando vita ad un percorso partecipativo che ha coinvolto in prima istanza la Dirigenza Scolastica dell’Istituto Comprensivo Statale, grazie alla piena ed immediata collaborazione della Dirigente Scolastica Nadia Vandi. Fondamentale inoltre nel percorso è stato l’apporto di insegnanti, educatori, organi interni alla scuola con rappresentanti dei genitori di bambini e ragazzi disabili, Sindacati e la disponibilità preziosissima di Davide Pacassoni odv e Scuolinfesta aps. Questo ha permesso di redigere un bando innovativo nei suoi contenuti e di cui ieri sono stati presentati gli esiti.

L’obiettivo principale del nuovo modello di inclusione ed integrazione scolastica è quello di realizzare con la gestione del nuovo appalto un vero e proprio “Progetto di vita” in cui l’alunno sia pensato non solo e semplicemente come elemento singolo ed in relazione al percorso scolastico in quanto tale, ma in qualità di soggetto appartenente a contesti diversi, scuola, extrascuola e rete familiare. Si tratta di contesti che possono confluire, permearsi ed interscambiarsi, nell’ottica di un rapporto sinergico con le altre realtà ed esperienze educative e di vita, e di conseguenza comportare anche un arricchimento dell’esperienza scolastica.

Il primo passo verso questo obiettivo passa dalla realizzazione dei progetti di inclusione basandoli non più sul rapporto educatore/alunno, ma sulla distribuzione del progetto educativo all’interno di una realtà organizzata e strutturata in “equipe” di istituto, funzionali all’inclusione scolastica, durante le quali si lavorerà per consolidare la collaborazione viva tra educatori, insegnanti di sostegno ed insegnanti curriculari. A questo si aggiunge l’apporto degli Enti del Terzo Settore che ampliano la sfera di esperienze sul territorio promuovendo un’inclusione di comunità. Il ruolo dell’Amministrazione, insieme agli altri attori, sarà quello di sostenere e potenziare nel tempo l’integrazione fra mondo scuola, sistema famiglia e rete sociale, confrontandosi costantemente anche con i professionisti Ausl che hanno competenze fondamentali da mettere in rete.

Questo principio messo in campo vorrebbe arrivare a permeare la quotidianità dell’esperienza scolastica garantendo un impatto su ogni alunno e arrivando a promuovere una reale e profonda cultura dell’inclusione nella quotidianità e così fondare una comunità educante in cui tutti diventino responsabili della crescita del singolo e si impegnino per creare un contesto di realizzazione per ciascuno. “Il modello d’inclusione trasversale- sottolinea l’assessore alla Pubblica Istruzione Michela Bertuccioli- può far comprendere perché si sia scelto come sua denominazione “Progetto di vita”. Tutto l’impegno finanziario, che risulta essere la prima voce di spesa in parte corrente del bilancio comunale, e tutte le professionalità che opereranno nei loro specifici ruoli, saranno a disposizione di un disegno ed orizzonte di Comunità che crede nel valore e realizzazione del singolo cittadino all’interno di un forte e presente contesto di appartenenza. Perchè ci sia cultura dell’inclusione ogni azione deve necessariamente rivolgersi a tutti, uscendo dall’ottica esclusivamente assistenziale del singolo caso ed evitando così di generare marginalità. Ringraziamo tutte le persone che hanno creduto con noi a questa fondamentale evoluzione e anche chi si affiancherà strada facendo, compreso altre Amministrazioni comunali che già ci stanno contattando perché intenzionate ad aprire a questa sperimentazione. Confidiamo che le esperienze dei vari territori siano messe a confronto nel tempo, per arrivare ad un modello il più possibile virtuoso  così da poter dare risposte più efficaci alle persone con diversabilità e alle loro famiglie e creare al tempo stesso una comunità più forte e consapevole del ruolo che ognuno ha nell’affrontare e rispondere a temi sociali civili.”

Afferma il sindaco Daniele MorelliQuesto progetto è una grande opera per la comunità marignanese tutta, perché avrà un impatto sull’educazione, sulla scuola e sui nostri figli che rappresentano il nostro futuro. Spero che questa, insieme ad altri tasselli che hanno a che fare con la condivisione, la cittadinanza attiva, l’inclusione e la partecipazione, possano essere sempre più il segno di questa Amministrazione. Un grande ringraziamento a chi ha seguito questo progetto in tutti i suoi passaggi fondamentali”.

La diretta del pomeriggio è disponibile sul seguente sito: https://www.facebook.com/comunesgm/videos/325576899330413

 

< Articolo precedente Articolo successivo >