Domenica 28 Novembre15:58:54
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuove regole per i monopattini, assessore Rimini: "bene, ora ciclabili più ampie e più spazi di sosta"

L'analisi dell'assessore Frisoni: "Importante il lavoro dell'amministrazione comunale con Anci"

Attualità Rimini | 12:51 - 27 Ottobre 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Sono state introdotte, con un emendamento al testo del decreto Trasporti, durante l'esame in commissione alla Camera, una serie di nuove norme che disciplineranno l’uso dei monopattini elettrici. Tra le novità: la riduzione della velocità massima da 25 a 20 chilometri, confisca del mezzo nel caso di modifiche che aumentino le prestazioni, obbligo di dotare i mezzi di frecce e la luce di stop posteriore, divieto di circolazione sui marciapiedi, regolamentazione in capo ai Comuni delle aree di sosta. Resta limitato invece agli under 18 l’obbligo di indossare il casco, come già previsto dalle norme sperimentali attualmente in vigore. 

L'assessore Roberta Frisoni evidenzia i meriti dell'amministrazione comunale e del lavoro svolto con Anci: "Abbiamo messo sul piatto l’esperienza di Rimini, che in questi ultimi anni si è confermata laboratorio sperimentale per la mobilità elettrica e dove già certe nuove norme indicate dal legislatore sono prassi, a partire dalla velocità: già oggi i mezzi in sharing a disposizione nel comune di Rimini sono tarati per non superare i 20km/h, nuovo limite massimo indicato dal decreto". L'assessore reputa positive le novità "che riguardano il miglioramento dei mezzi e la decisione di non estendere l’uso del casco ai maggiorenni, provvedimento che non sarebbe stato risolutivo sul fronte della sicurezza e che al contrario avrebbe avuto l’effetto boomerang di disincentivare l’utilizzo dei mezzi”.  

Il prossimo passo, spiega, è dare centralità alla mobilità sostenibile nel processo di pianificazione urbana, "un percorso che Rimini ha iniziato e che deve portare in futuro ripensare infrastrutture adatte a queste nuove tipologie di spostamento": piste ciclabili più capienti e adatte anche al passaggio dei monopattini, in più predisporre adeguati spazi di sosta, per incentivare anche l'utilizzo di mezzi in sharing. "Infrastrutture funzionali significano in primis una maggiore sicurezza per chi guida ma in generale indispensabili per garantire una migliore, e quindi più facilmente replicabile, esperienza di viaggio", chiosa l'assessore.   

 

< Articolo precedente Articolo successivo >