Domenica 05 Dicembre05:31:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, ginnastica artistica: Thomas Grasso ai piedi del podio in Giappone

L'atleta, cresciuto nella Polisportiva Celle di Rimini, è arrivato quarto al volteggio

Sport Rimini | 07:58 - 25 Ottobre 2021 Thomas Grasso Thomas Grasso.

Thomas Grasso il 20enne riminese , cresciuto nella Polisportiva Celle alla corte di Pietro di Pumpo, si ferma ai piedi del podio del volteggio al 50° Campionato Mondiale di Kitakyushu, in Giappone, per un solo decimo
È vero, il podio era a un soffio - Thomas dietro di un decimo ma i'azzurro è stato stratosferico nelle finali di un Mondiale con i giganti della Ginnastica artistica. Thomas Grasso si era qualificato per la finale con il sesto miglior punteggio (14.599) e si è migliorato in finale portando due salti ben eseguiti. "Il livello era comunque molto alto – ha dichiarato  il campione italiano assoluto 2021 in questo attrezzo – Forse potevo fare meglio il secondo salto ma sono contento per come è andata. Paradossalmente mi sentivo molto più tranquillo della qualifica perché ormai sentivo di aver rotto il ghiaccio e, quindi, si trattava solo di migliorare l'esecuzione. Prima della finale ho sentito solo il mio allenatore Pietro Di Pumpo, perché sono abituato ad averlo sempre con me in gara e quindi volevo un confronto con lui. Poi ho spento il telefono e non ho guardato i social. Nulla che potesse distrarmi". Un debutto mondiale che è andato oltre le aspettative. "Non pensavo nemmeno di entrare in finale e ritrovarmi invece a gareggiare tra i migliori otto al mondo è stato bellissimo. Una carica incredibile. Adesso tornerò a casa e mi metterò sotto per aumentare la difficoltà dei miei salti. La serie A è vicina e poi ho un sogno nel cassetto: scrivere il mio nome sul codice dei punteggi con un salto nuovo non ancora presentato alla giuria internazionale. Ci sto lavorando su ma non voglio ancora svelare nulla! Arrivare quarti a livello mondiale è comunque un risultato da incorniciare e per questo voglio ringraziare il mio allenatore, la mia famiglia, la mia società e tutti quelli che hanno creduto in me e mi hanno permesso di partecipare a questo Mondiale".

< Articolo precedente Articolo successivo >