Luned́ 29 Novembre02:56:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Lettera alla sindaca di Riccione: un libro di memorie dedicato alla città

Eugenio Ambrosini, docente di Trieste, chiede di conservare il libro nella Biblioteca di Riccione

Attualità Riccione | 15:15 - 18 Ottobre 2021 Biblioteca di Riccione Biblioteca di Riccione.

Caro Sindaco, sono un riccionese che nel 1954, al seguito di mio papà militare ed istriano, si è trasferito a Trieste. Sono nato in viale Ceccarini all’hotel Metropole, al tempo gestito da mio nonno Attilio Tonini”. Inizia così una lettera arrivata sulla scrivania della sindaca Renata Tosi. A scriverla è il signor Eugenio Ambrosi, 70 anni, ogni estate a Riccione dai parenti per trascorrervi due settimane di vacanza. Un grande passione per la città tanto che, con la cugina Esperia Tonini, proprietaria dell’Hotel Parioli di via Michelangelo, ha voluto dedicare un libro con aneddoti storici e balneari, memorie della famiglia ma anche dei turisti che nel dopoguerra hanno villeggiato nell’hotel. 
 

A proposito del libro, dal titolo Amarcord del Parioli, in onore dell’albergo di famiglia, il signor Ambrosi scrive al sindaco “mi farebbe piacere che insieme ad altri miei libri donati alla Biblioteca e incentrati su attività e miei interessi, anche questo potesse trovarvi ospitalità”
 

Una lunga carriera di docente universitario all’università di Trieste, dirigente regionale, consigliere comunale, giornalista, appassionato di vela e collezionista beatlesiano, il signor Ambrosi dice “ mi sento romagnolo anche se vivo a Trieste. Fino all’età di 18 anni ero solito trascorrere tre mesi a Riccione, mia madre era la cuoca dell’hotel Metropole gestito nei primi anni ’50 da mio nonno Attilio Tonini assieme a lei e agli altri figli Remo e Tonino. D’estate da ragazzo ero solito prendere a prestito i libri della Biblioteca, ubicata allora in un’altra sede, e magari oggi qualcuno potrebbe essere interessato a dare un’occhiata ai miei libri, anche se la verità è che mi piacerebbe lasciare traccia nella città in cui sono nato”.
 

Una richiesta accolta di buon grado dal Sindaco per cui il libro sarà consultabile in Biblioteca, a maggior ragione del percorso di iniziative già avviate da quest’anno e dedicate al Centenario di Riccione. 

< Articolo precedente Articolo successivo >