Domenica 24 Ottobre06:49:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Discoteche aperte con mascherina e green pass obbligatori: capienza 50% al chiuso

La decisione del Consiglio dei Ministri, le disposizioni si applicano dal prossimo 11 ottobre

Attualità Nazionale | 07:52 - 08 Ottobre 2021 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

Piena capienza per i luoghi di cultura come cinema e teatri, 75% per gli stadi e 50% per le discoteche: lo ha deciso ieri il Consiglio dei ministri, superando le indicazioni del Comitato tecnico scientifico. Le disposizioni sull'aumento dei nuovi limiti percentuali delle presenze, rispetto alla capienza delle strutture, si applicano dal prossimo 11 ottobre, lunedì. Dal calcolo delle capienze al chiuso per le discoteche saranno esclusi i dipendenti dei locali. All'interno dei musei e dei luoghi di cultura è "soppressa" la norma che prevede l'obbligo del "rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro" per i visitatori. Inasprimento delle sanzioni nel caso in cui non vengano rispettati dai gestori i nuovi limiti percentuali delle presenze rispetto alla capienza delle strutture. 

Discoteche
"La capienza per le discoteche non può essere superiore al 75 per cento di quella massima autorizzata all'aperto e al 50 per cento al chiuso. Nei locali al chiuso deve essere garantita - si legge nella bozza - la presenza di impianti di aereazione senza ricircolo dell'aria, e restano fermi gli obblighi di indossare il dispositivo di protezione delle vie respiratorie previsti dalla vigente normativa, ad eccezione del momento del ballo". Dal calcolo delle capienze al chiuso per le discoteche saranno esclusi i dipendenti dei locali. A porre la questione, viene riferito, i ministri della Lega che si sarebbero poi detti "soddisfatti" del risultato, a partire da Giancarlo Giorgetti, che avrebbe chiesto anche che questa prima apertura sia un "primo passo", compatibilmente con l'evoluzione dei dati santiari. 

Teatri e cinema
Le riaperture saranno al 100% per gli spazi culturali, compresi cinema e teatri, in zona bianca, mentre scendono al 50% in zona gialla. In zona bianca "la capienza consentita è pari a quella massima autorizzata", mentre "in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all'aperto, sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale, e l'accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di green pass. In zona gialla la capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata", si legge infatti nel dl. 

Sanzioni
Il decreto però prevede anche l'inasprimento delle sanzioni nel caso in cui non vengano rispettati dai gestori i nuovi limiti percentuali delle presenze. All'articolo sulle "disposizioni urgenti in materia di spettacoli aperti al pubblico, di eventi e competizioni sportive e di discoteche" è previsto che "a partire dalla seconda violazione, commessa in giornata diversa", si applichi "la sanzione amministrativa accessoria della chiusura da uno a dieci giorni".

< Articolo precedente Articolo successivo >