Mercoledý 27 Ottobre05:36:01
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Discoteche: Silb, "la capienza al 35% non permette di rimanere sul mercato"

Domani, 7 ottobre, si riunirà a Roma il direttivo nazionale del Silb-Fipe

Attualità Ancona | 12:05 - 06 Ottobre 2021 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

"Il 35% di capienza al chiuso è una percentuale difficile da accogliere positivamente perché per i nostri locali, che hanno già le capienze più basse d'Europa, è una capienza antieconomica, che non permette di rimanere sul mercato. Continuiamo con forza a chiedere un tavolo di confronto". Così Gianni Indino, presidente del Silb-Fipe Emilia-Romagna, i gestori delle sale da ballo, commenta il parere del Cts sulla riapertura delle discoteche.

Domani, 7 ottobre, si riunirà a Roma il direttivo nazionale del Silb-Fipe, "che prenderà atto formalmente delle decisioni prese dal Cts e valuterà se ci siano le condizioni per continuare a dialogare attraverso un tavolo di confronto, oppure se sarà necessario passare alle proteste rumorose e diffuse", "ora la politica italiana può far sentire la sua voce: il periodo del bla bla bla mi auguro sia finito".

Bene l'interessamento del comitato al settore, sottolinea Indino, meno per le indicazioni date. "Si pensi solamente a quanto personale serve per organizzare una serata, dai barman ai tecnici, dai dj al personale per la sicurezza - spiega - Riempiendo il locale solo al 35%, non si coprirebbero nemmeno i costi vivi. Vogliamo tornare a lavorare, ma non possiamo rimetterci. Non capiamo davvero perché, se tutti gli avventori devono essere muniti di Green Pass, non si possa avere una capienza ben più alta. A maggior ragione adesso che il governo ha deciso per l'ampliamento delle capienze per tutti i settori dello sport e dello spettacolo, all'aperto e al chiuso".

< Articolo precedente Articolo successivo >