Mercoledý 20 Ottobre20:02:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Villetta confiscata alla criminalità, comune Santarcangelo attende via libera all'acquisizione

Lo ha spiegato in consiglio comunale il sindaco: è ancora attesa la risposta dell'ente nazionale preposto

Attualità Santarcangelo di Romagna | 15:33 - 01 Ottobre 2021 Il consigliere Patrick Wild Il consigliere Patrick Wild.


Il consigliere comunale di maggioranza Patrick Wild ha presentato ieri (giovedì 30 settembre) un'interrogazione al consiglio comunale di Santarcangelo, chiedendo a che punto sia l'iter per l'acquisizione di una villetta confiscata nell'ambito di un'indagine sulla criminalità organizzata, un bene immobile situato nel comune di Santarcangelo. "Dopo il preoccupante episodio di cronaca dei giorni scorsi – che ha visto il ferimento con arma da fuoco di un cittadino già al centro di inchieste della magistratura, inerenti alla presenza della criminalità organizzata di origine campana in Romagna – risulta ancora più attuale l’impegno del Comune per la legalità, dimostrato ad esempio attraverso l’adesione all’Osservatorio provinciale di Rimini sulla criminalità organizzata", spiega il consigliere Wild.

Nel maggio scorso l'amministrazione comunale di Santarcangelo aveva fatto richiesta all'agenzia nazionale dei beni sequestrati e confiscati, per acquisire l'immobile e riutilizzarlo per finalità sociali. Interrogando la Giunta, il consigliere ha rimarcato l’importanza e la necessità di portare a termine questo genere di progetti, che riaffermano la volontà dello Stato e degli enti locali di fronteggiare fenomeni invasivi di macro-criminalità sul proprio territorio, rappresentando inoltre un’opportunità per esperienze di inclusione sociale e impresa etica.

Il sindaco Alice Parma ha risposto all’interrogazione confermando la manifestazione d’interesse inviata all’Agenzia nazionale, rispetto alla quale si attende risposta, informando inoltre il Consiglio in merito a un sopralluogo effettuato per verificare lo stato dell’immobile, risultato in condizioni buone e adatte alla finalità proposta (contrasto all’emergenza abitativa). “Ringrazio la sindaca e l’amministrazione comunale per l’attività svolta su questo fronte e per l’aggiornamento fornito", ha commentato il consigliere Wild, che ha aggiunto: "il grave fatto di cronaca dei giorni scorsi deve preoccupare tutti, ma allo stesso tempo ci richiede di portare il più velocemente possibile a termine la procedura di acquisizione dell’immobile confiscato. I beni confiscati alla criminalità organizzata sono beni comuni ed è quindi giusto che anche il resto del Consiglio e la cittadinanza siano messi a conoscenza e aggiornati sugli sviluppi di quella che può essere un’importante opportunità per la città”.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >