Domenica 17 Ottobre21:14:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cittadina dona al comune di Verucchio opera dei Mutoid

Si tratta di "Ritmi", realizzata da Lucia Peruch, aka Lu Lupan

Attualità Verucchio | 14:54 - 25 Settembre 2021 L'opera dei Mutoid L'opera dei Mutoid.


Una cittadina dona al Comune di Verucchio l’opera “Ritmi” realizzata da Lucia Peruch aka Lu Lupan, artista della Mutoid Waste Company. L’installazione, posizionata nel centro di Villa Verucchio in una piccola area verde nelle vicinanze della Marecchiese, è stata inaugurata questa mattina (sabato 25 settembre) dal sindaco stefania Sabba e dalla giunta.

Il titolo dell’opera è "Ritmi" e a realizzarla nel corso di questo 2021 è stata Lucia Peruch aka Lu Lupan, artista della Mutoid Waste Company di Santarcangelo. A donarla al Comune di Verucchio è stata invece una cittadina, la commercialista Manuela Guaitoli, e questa mattina (sabato 25 settembre) il sindaco Stefania Sabba, la vice Sabrina Cenni e la giunta quasi al completo l’hanno inaugurata nella location individuata per farne godere tutta la popolazione e le tante persone che quotidianamente percorrono la Marecchiese per lavoro o turismo: la piccola area verde nelle vicinanze di Riviera Banca.

“Ritmi” è una realizzazione con metallo di recupero ispirata alle spirali Etrusche, al movimento cosmico di espansione-contrazione che essa suggerisce, ed evocativa del disco solare, della sua energia che si espande in ogni direzione e che nutre ogni forma di vita sul nostro Pianeta.  Di forma lenticolare, è contenuta all'interno di un vecchio cerchio di tino di 180 centimetri di diametro (oggetto familiare della vita contadina per chissà quante generazioni, con i suoi ribattini fissati a mano, col martello da fabbro, un oggetto allo stesso tempo impresso in memorie affettive e obsoleto) e di tante sezioni ricavate da tante porzioni di metallo differenti che l'artista ha  inciso e martellato a mano, una ad una, legandole poi tra loro ed al telaio con rivetti in acciaio inox. A sorreggere l'opera delle barre quadre in acciaio, in una struttura solida ed essenziale dell’altezza di due metri e mezzo.

“Esprimiamo viva gratitudine per questo dono, con l’auspicio che altri imprenditori possano seguire l’esempio di Manuela e arricchire il nostro territorio di opere d’arte, nella speranza e consapevolezza che la bellezza salverà il mondo” hanno ringraziato gli amministratori, estendendo il plauso anche ai Ci.Vi.Vo. Ambiente presenti alla cerimonia “per il consueto prezioso contributo fornito a ogni iniziativa, in questo caso al montaggio dell’installazione”.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >