Giovedė 21 Ottobre13:53:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Le azioni Facebook: 5 motivi per investire sul social

Le piccole e medie imprese pubblicizzano sempre più i loro prodotti su questa piattaforma

Attualità Nazionale | 19:11 - 23 Settembre 2021 Social Social.

Con quasi 3 miliardi di utenti attivi mensilmente si può certamente dire che Facebook sia il social network più utilizzato e conosciuto al mondo. Molto spesso se ne è celebrato il funerale sin troppo presto, ma alla fine Facebook è sempre lì a dimostrare come ormai sia diventata una realtà indissolubilmente legata alla nostra vita quotidiana.
 

E se questo social media viene universalmente utilizzato per restare in contatto con i propri amici e conoscenti, ciò non vuol dire che non sia possibile perseguire altri obiettivi, come ad esempio investire nelle azioni Facebook. Ma investire su Facebook ne vale davvero la pena?
 

Perché investire in Facebook: le 5 ragioni principali

1. La centralità del marketing
Che l’economia delle aziende abbia subito con l’avvento dei social network un drastico cambiamento è una realtà dei fatti. Attualmente sono già migliaia le piccole e grandi società aziendali che pubblicizzano i loro servizi e/o prodotti su questa piattaforma.
 

Perché? Essenzialmente perché significa poter godere di un bacino d’utenza praticamente sconfinato. Hai notato come accedendo a Facebook siano presenti sul sito annunci pubblicitari mirati? Non è un caso, è una precisa strategia di marketing dei produttori che mirano a raggiungere con più facilità i consumatori e i numeri di questo fenomeno sono in continuo aumento.
 

2. Crescita costante

Facebook è in crisi, non è più il social per eccellenza, il pubblico si sta spostando verso altre piattaforme, quante volte ti è capitato di leggere o ascoltare notizie di questo tenore? La verità però è che il titolo Facebook solo nell’ultimo anno ha aumentato il suo valore di quasi il 40%, mentre i titoli azionari hanno subito un incremento di più del 3% secondo il dettagliato report del prestigioso InvestorsObserver. Attualmente le previsioni di mercato prevedono una crescita costante del titolo e non approfittarne sarebbe da ingenui.


 

3. Business dinamico

Pensare a Facebook come un semplice sito web o un social media in cui le persone si limitano a condividere spicchi della propria quotidianità sarebbe alquanto riduttivo.
 

L’acquisizione nel 2014 di Whatsapp e più recentemente di Instagram ha aperto le porte a un modello di business il cui scopo ultimo è creare un ecosistema digitale a 360°.
 

I continui sviluppi della società nei settori della realtà aumentata e virtuale sono solo un esempio di come le radici del social network siano più solide che mai.
 

4. Riacquisto delle azioni

Durante il secondo trimestre del 2021 Facebook ha acquistato l’equivalente di 7 miliardi di dollari nelle proprie azioni, perché questo? Si tratta di una precisa scelta finanziaria con cui il social invece di pagare i dividendi ai suoi vari investitori riacquista le proprie azioni così da aumentarne il valore. Parliamo di cifre? Attualmente Facebook possiede a bilancio circa 64 miliardi di dollari in titoli azionari, una cifra tale da far dormire sogni tranquilli a tutti i suoi investitori in termini di solidità e sicurezza.
 

5. Investimento profittevole

Nel caso di un’azienda la scelta d’investire in Facebook può rappresentare l’occasione per configurarsi come una realtà aperta nei confronti dei nuovi metodi di comunicazione con conseguente targetizzazione più precisa dei consumatori.
 

Nel caso, invece, di un privato investire in Facebook significa essenzialmente guadagnare tramite le entrate passive senza fare particolari sforzi e senza essere dei guru della finanza, una prospettiva che nel periodo di crisi post pandemico è sicuramente da tenere in considerazione.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >