Sabato 16 Ottobre10:04:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San Giovanni in Marignano: torna il capodanno del vino

Un tuffo nel passato agli inizi del novecento, settimo Palio della Pigiatura tra le frazioni marignanesi

Eventi San Giovanni in Marignano | 15:11 - 20 Settembre 2021 Grappolo d'uva Grappolo d'uva.


San Giovanni in Marignano, porta della Valconca, conosciuto fin dal Medioevo come Granaio dei Malatesta per la fertilità delle sue terre, annuncia anche per quest’anno il proprio caratteristico “capodanno” legato alla tradizione viti-vinicola.

Domenica 26 Settembre, in concomitanza con “Il Vecchio e l’Antico”, l'appuntamento è dunque in Piazza Silvagni con il “Capodanno del Vino” e le degustazioni dei vini delle cantine marignanesi Enzo Ottaviani, Fattoria Poggio San Martino, Tenuta del Monsignore, Torre del Poggio. Acquistando un calice di vino nella comoda tasca, sarà infatti possibile degustare, come da tradizione, il vino novello accanto ai prodotti della tradizione romagnola, Sangiovese e Pagadebit in primis.

L’evento, che nasce nel 2000, è accompagnato da una rievocazione storica dei primi del Novecento, quando la pigiatura dell’uva era una vera e propria occasione di festa.

Quest’anno la rievocazione si svolgerà in via Fosso del Pallone dove sarà possibile conoscere giochi, attrezzi, motori e personaggi di inizio secolo, senza dimenticare uno spazio dedicato all’arte, con spettacoli e le incursioni itineranti di Teatro Cinquequattrini aps.

In Arena spettacoli, dalle ore 15.00, si alterneranno il Concerto del Corpo Bandistico di San Giovanni in Marignano che torna a suonare in pubblico dopo due anni di attesa e lo Spettacolo folk romagnolo di “Studio 39 Casadei Danze &Fitness Rimini”.

Culmine dell’evento alle ore 16.30 il 7° Palio delle Pigiatura tra le frazioni storiche marignanesi  a cura di Pro Loco e Cav. Cucchiarini.  Le frazioni marignanesi, Pian di Ventena, Pietra Fitta, La Cattolica e Monte di Conca, tutte rappresentate da una coppia, si sfideranno per aggiudicarsi il Palio di Marignano! Il Palio sarà vinto dalla frazione la cui coppia riuscirà a produrre la maggiore quantità di mosto pigiando l’uva a piedi scalzi nella botte. Nell’ultima edizione andata in scena, nel 2019, era risultata vincitrice La Cattolica.

IL COMMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE “Grande fermento in questi giorni: il paese si colora di bandierine e volontari: è proprio bello vedere il borgo risvegliarsi e preparare con entusiasmo questa manifestazione che è un momento corale cui partecipano Amministrazione, Pro Loco, cantine, commercio e volontari per una festa che permette a tutti di fare un passo indietro nel tempo e di condividere importanti rituali che segnano l'alternarsi delle stagioni. Speriamo che questa ripartenza possa essere di buon auspicio per un anno ricco di opportunità, ma anche occasione di ritrovo ed incontro in festa. Non vediamo l’ora di percepire nuovamente la suggestione di altri tempi e il tifo entusiasmante che accompagna sempre il palio!”.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >